Ricky, Gianmarco, Maria Sole, Thomas e affettuosamente tutti gli altri. Ugo (edizioni Rai Libri), volumetto familiare alla memoria dell’immarcescibile Ugo Tognazzi (1922-1990), non è il libro delle supercazzole come se fosse antani. Bensì una ricognizione delicata e profonda dei figli (quattro, nati da tre compagne diverse e di tre diverse nazionalità) attorno alla figura paterna. Ricky, il primogenito più in sintonia con le libertà e le passioni del padre; Gianmarco, quello del “rapporto” dapprima “conflittuale” poi più disteso e genuino; Thomas, il bimbo che ri-conosce papà in una foto e la tiene con sé in tasca per decenni; Maria Sole, la ragazza che decide di “fare i conti con la sua assenza”. Ne esce il quadro “allargato” di Tognazzi papà sempre sul set, attratto dai “lotti” da acquistare a Torvaianica per il Villaggio Tognazzi, desideroso di esprimersi in cucina e farsi dare i voti dagli amici delle lunghe e nutrite tavolate e quell’ “egoismo apparente”, come scrive Gianmarco, ma che “appartiene alla personalità più altruista del mondo”. Struggente e intimissimo.

Lo Scaffale dei Libri speciale di Natale: i nostri consigli dell’ultimissimo minuto

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Quattro mezze cartelle/ 30: ‘Etere’

next
Articolo Successivo

Il 2021 sarà l’anno di Dante: il ristorante che custodisce il suo ritratto più antico e tutti gli altri luoghi per celebrarlo 700 anni dopo la morte

next