“Io condanno Genovese per quello che ha fatto perché lo stupro è inammissibile, però la parola ‘ingenuità’ non è un’offesa“. “No, la ragazza si è sentita colpevolizzata“. Botta e risposta tra Vittorio Feltri e Peter Gomez a ‘La Confessione’, in onda su Nove venerdì 18 dicembre alle 22.45. “‘La Confessione’ di Vittorio Feltri è stata registrata prima che esplodessero le polemiche per un suo articolo dedicato allo stupro di una ragazza 18enne da parte di un imprenditore 43enne, Alberto Genovese. Per questo, dopo la prima confessione, abbiamo richiamato Vittorio Feltri per fargli qualche domanda sul caso”, premette il conduttore facendo riferimento all’editoriale su Libero del 24 novembre intitolato “La ragazza stuprata da Genovese è stata ingenua“, sormontato dal catenaccio “I cocainomani vanno evitati”, in cui il giornalista bergamasco accusava di “ingenuità” Michela, la ragazza di 18 anni violentata per ore da Genovese, che attualmente si trova in carcere.

“Bentornato, Vittorio, le chiedo subito e traduco quello che ho capito io: ho avuto la netta sensazione che lei scrivesse che la ragazza se l’è andata a cercare“, ha detto Gomez. “Ma io veramente non intendevo dire questa cosa: io condanno Genovese per quello che ha fatto perché lo stupro è inammissibile, questo è il primo punto – ha risposto Feltri – Secondo punto: una ragazza di 18 anni che, per la terza volta, va in casa di un famosissimo drogato, nella cui abitazione succedono cose strane da sempre e tutti ne sono al corrente, ci va a cuor leggero e quindi ho parlato di ‘ingenuità’ perché a 18 anni probabilmente non si è in grado di valutare tutti i rischi e tutti i pericoli”. Inoltre, ha aggiunto il giornalista “la parola ‘ingenuità’ non è un’offesa. Chiaro? Non è un’offesa ‘ingenuità’! E i ragazzi possono essere ingenui, quindi lo è stata anche Michela. Punto e basta”. Il conduttore e direttore de Ilfattoquotidiano.it ha però ribattuto: “Però se io fossi una ragazza che ha subìto violenza e leggo un articolo come il suo o le reazioni scatenate sui social, insomma mi chiedo: ‘Mi conviene andare a denunciare la violenza subìta?’ Di fatto, la ragazza si è sentita colpevolizzata“. Feltri ha ribadito la sua posizione: “Ma perché colpevolizzata? Io ho parlato di ingenuità, dov’è la colpevolezza nell’ingenuità? Mi dispiace per la ragazza, io sono solidale con lei, ma, ribadisco, è stata ingenua e non rompetemi le palle che non sapete neanche cosa vuol dire ingenuo”, ha concluso il fondatore di Libero.

‘La Confessione’ è prodotto da Loft Produzioni per Discovery Italia ed è disponibile anche su Dplay (sul sito www.it.dplay.com – o scarica l’app su App Store o Google Play) nonché su sito, app e smart tv di TvLoft. Nove è visibile al canale 9 del Digitale Terrestre, su Sky Canale 149 e Tivùsat Canale 9.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Martina Dell’Ombra prosegue con ‘Chi vuol essere Dpcm – La sfida continua’: “Al vincitore un tampone rapido in gettoni d’argento”

next
Articolo Successivo

La Confessione (Nove), Peter Gomez: “Perché intervisto Vittorio Feltri? Penna migliore del centrodestra, abbiamo parlato di deontologia”

next