Diciannove anni, studentessa, occhi verdi e capelli castani: è questo l’identikit di Martina Sambucini, la Miss Italia 2020. La giovane è stata eletta in un’edizione speciale, l’81esima, trasmessa per la prima volta nella storia del concorso di bellezza in streaming e ben diversa dalle finali tradizionali in considerazione dell’attuale situazione causata dal Covid. Presentata da Alessandro Greco con Margherita Praticò, presidente della giuria Paolo Conticini, la finale, in forma di Casting, si è svolta per la prima volta a Roma, nello “Spazio Rossellini” della Regione Lazio.

Dopo aver conseguito il diploma di liceo linguistico ha da poco iniziato il primo anno di università, in Psicologia del marketing. La neoeletta è stata scelta da una giuria presieduta dall’attore Paolo Conticini. Un’elezione molto diversa dal solito, tra tamponi, distanze e mascherine. “Sono positiva e genuina, mi piace molto relazionarmi con gli altri. Ho deciso di mettermi in gioco con il concorso, che mi ha permesso di scoprire dei lati di me che non conoscevo e vincere le mie insicurezze. Sono felicissima per questo successo della capitale, che mancava da tanti anni”, sono le prime parole della reginetta di bellezza.

Sul podio, al secondo posto, Beatrice Scolletta, Miss 365, ha 25 anni, è nata a Roma ma vive a Nettuno (RM). Occhi marroni, capelli castani, è alta 179 cm. È sposata con Roberto ed è mamma di due bambini, Leone (5 anni) e Vittoria Romana (2). Diplomata al liceo classico, a giugno prenderà la laurea in Scienze e tecniche psicologiche. Ha praticato tanto sport: artistica, nuoto, danza, danza aerea, pole e fitness. Al terzo posto, Alice Leone, Miss Liguria, ha 22 anni e vive a Taggia (IM). Ha occhi marroni, capelli castano scuro, è alta 170 cm. È all’ultimo anno della Laurea triennale (“Interpretariato e Comunicazione”), aspira a proseguire gli studi in questo campo per poter insegnare nella scuola primaria.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fedez risponde alle critiche per le donazioni di Twitch: “Dispiace che questa iniziativa sia stata percepita come di cattivo gusto ma lo rifarei”

next
Articolo Successivo

Pornhub cancella 7 milioni di video: ecco perché e cosa sta succedendo nel mondo del porno

next