Sono le linee guida indicate dall’Unione europea a ritenere “indispensabile un meccanismo non ordinario di attuazione e gestione dei progetti” del Recovery Fund, e la Commissione europea “si aspetta che tutti i 27 Stati membri dell’Unione siano in grado di garantire la necessaria capacità amministrativa per l’effettiva attuazione dei piani”. Lo ha detto il ministro per gli Affari europei Enzo Amendola, incalzato al question Time alla Camera sulla ‘cabina di regìa’ per il Recovery Fund che affiancherebbe sei manager coordinati dal presidente del Consiglio, dai ministri dell’Economia e delle Attività produttive con lo stesso Amendola a fare da referente per l’Ue. “La Commissione, nelle linee guida del 17 settembre 2020, ha richiesto una autorità di gestione nazionale che funga da punto di interlocuzione unico e costante con la task force europeo per la ripresa e resilienza e che quindi sia dotata di adeguato profilo politico e necessarie professionalità amministrative”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il Senato chiude l’audio a Casini durante l’intervento e lui si lamenta: “È censura?”. Casellati: “È automatico. Era finito il tempo”

next
Articolo Successivo

Riforma del Mes, lettera di 58 parlamentari M5s perché si “rinviino gli aspetti critici”. Ma c’è già chi nel gruppo si dissocia dal testo

next