“Gira la notizia che (in generale) i vaccinati sono protetti ma possono trasmettere la malattia. Questo non è vero“, ha scritto il virologo Roberto Burioni su Twitter, inserendosi nel dibattito scatenato dalle affermazioni di Ilaria Capua a “Dimartedì” (La7). La direttrice dell’One Health Center of Excellence dell’università della Florida aveva detto: “Il vaccino anti-covid protegge dalla malattia. Ma, da vaccinato, posso andare in giro come se fossi sicuro al 100%? La risposta è no. La vaccinazione, infatti, è efficace contro la malattia, ma contro l’infezione non lo è al 100%”.

Burioni non cita direttamente Capua, ma nella sua risposta sottolinea che l’affermazione della virologa non è del tutto vera e non vale per molti “famosi” vaccini che hanno sconfitto malattie pericolose per l’umanità. “Per morbillo, rosolia, parotite o varicella – e qui mi fermo ma la lista è lunga – chi è vaccinato non può essere infettato e non può trasmettere la malattia”, ha scritto il virologo. Burioni aggiunge anche che al momento non si può ancora sapere cosa accadrà col vaccino contro il Covid. “Ovviamente non sappiamo nulla di quello che accadrà con i diversi vaccini anti Covid-19″, ha specificato Burioni.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Un pezzo di dito nella confezione di involtini”: la scoperta di un cliente di un supermercato

next
Articolo Successivo

Covid, sul tavolo del ministero della Salute il caso dei reparti d’urgenza degli ospedali Santi Paolo e Carlo di Milano. La Regione? Voleva dirottare 13 sanitari alla Fiera

next