“I ristori, così come sono stati garantiti per le attività chiuse, oggi saranno assicurati anche alle attività che ruotano intorno al turismo invernale“. Lo ha assicurato il ministro per gli Affari Regionali, Francesco Boccia, durante il question time alla Camera. “Far partire alcune attività con un mese di ritardo comporta sicuramente alcune perdite che saranno ristorate, ma non comporta la distruzione del comparto a cui siamo vicini. – ha aggiunto Boccia – Ma dobbiamo dire con chiarezza che se apriamo senza limiti ci ritroveremo a febbraio con le stesse perdite avute ora a dicembre, con gli stessi numeri. Vorrebbe dire che siamo nella terza ondata ed è dovere di tutti noi evitarla”

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sanchez: “Consigli da Conte sul governo di coalizione? Sono i benvenuti. Per la Spagna è la prima esperienza in 80 anni di storia”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Boccia: “Regioni hanno indicato altri 10 tecnici che si stanno confrontando con Brusaferro”

next