Il premier inglese, Boris Johnson, è intervenuto in Parlamento con un video-messaggio per annunciare le nuove disposizioni governative a partire dal prossimo 3 dicembre. “Posso confermare che le restrizioni nazionali in Inghilterra finiranno il 2 dicembre e non saranno rinnovate, da mercoledì prossimo le persone potranno lasciare la propria casa per qualsiasi scopo e incontrarsi in spazi pubblici all’aperto in un massimo di sei alla volta”. Queste le parole del primo ministro britannico, che ha poi aggiunto: “Per consentire alle famiglie di riunirsi, riducendo al minimo il rischio, stiamo lavorando con le amministrazioni predisposte per creare un permesso speciale natalizio limitato nel tempo. Questo sarà ancora un inverno duro, ma abbiamo svoltato l’angolo e la via di fuga è in vista”.

Memoriale Coronavirus

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Usa, Trump dà il via libera alla transizione dei poteri: ora il team di Biden può iniziare a lavorare

next
Articolo Successivo

“La nonna ha il Covid, non supererà la notte”: lo spot anti-Covid è un pugno nello stomaco

next