Google ha aggiornato il proprio servizio di mappe introducendo una novità: Google Maps infatti ora mostra i dati sui casi di Covid-19 in una determinata zona (Stato, regione, provincia o città). Una funzione che era già stata annunciata lo scorso settembre e che ora è disponibile anche in Italia. Il colosso di Mountain View, dunque, aggiunge un nuovo livello di informazioni sull’app di mappe che mostra le informazioni sui contagi nelle zone in cui desideriamo andare, nei limiti consentiti dalla legge.

Per accedere a queste informazioni sarà sufficiente aprire Google Maps e selezionare “Informazioni sul Covid-19” nei dettagli della mappa dal layer della schermata in alto a destra. I dati mostrati nella zona che ci interessa indicano i nuovi casi per 100 mila persone in base a una media di 7 giorni. Big-G specifica che le informazioni provengono da Wikipedia, dai Ministeri della Salute dei vari Paesi, dal New York Times e da altre fonti ritenute autorevoli.

Nella pagina dedicata, inoltre, Google sottolinea che i dati cambiano rapidamente e potrebbero non essere inclusi alcuni casi ancora in fase di segnalazione. La disponibilità delle informazioni dipende dalla pubblicazione a cura delle autorità locali. I conteggi totali, infine, includono sia i casi confermati che quelli probabili che vengono identificati dai funzionari della sanità pubblica del Paese di riferimento.

La funzione è disponibile per i dispositivi Android e iOS e va ad aggiungersi alle altre funzioni sviluppate da Google per fornire informazioni sul Covid-19, come quella che mostra in tempo reale l’affluenza su una determinata linea di trasporto pubblico, in un negozio o ristorante.

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

NVIDIA porta il gaming in streaming su iPhone ed iPad tramite Safari, e potrebbe riaprire le porte dei dispositivi Apple a Fortnite

next
Articolo Successivo

Microsoft Edge: sul Web browser arriva la sincronizzazione di cronologia e schede

next