Incidente mortale nella tappa di Superbike brasiliana sul circuito di Interlagos, a San Paolo in Brasile. Il pilota Matheus Barbosa ha perso il controllo della sua moto ed è andato a sbattere contro le barriere ai lati della pista. Inutili i soccorsi: è morto a 23 anni.

Barbosa era a dieci giri dal termine della gara. Durante un testa a testa, dopo la curva “Junçao”, ha perso il controllo della sua moto finendo oltre le barriere protettive. La collisione con un muretto lo ha sbalzato dalla sella facendolo sbattere violentemente contro una struttura metallica.

Il pilota, classe 1997, già campione nazionale Superbike nella categoria SuperSport, è la quarta vittima in due anni sul circuito di San Paolo. Lo scorso anno erano morti altri due centauri: ad aprile Maurício “Linguiça” Padulete e un mese dopo, a maggio, Danilo Berto. L’anno prima, Rogerio Munuera è morto sempre a Interlagos, dopo un incidente contro le barriere.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La Fifa dichiara guerra allo strapotere degli agenti dei calciatori: ecco la stretta contro i procuratori

next