“Il nostro scopo è permettere alle persone senza dimora di avere l’assistenza che spetta a tutti i cittadini e poi permettere loro di entrare nei centri di accoglienza”. Lo spiega Alessandro Radicchi, fondatore di Binario 95, realtà che si occupa di aiutare chi vive in strada. “I privati mettono gli spazi, le istituzioni finanziano gli operatori e poi c’è il terzo settore, cioè noi che ci mettiamo le braccia e la forza. Con il San Gallicano abbiamo esteso i tamponi anche agli operatori sanitari. Si pensa che chi vive in strada abbia il Covid ma non è così”, ha concluso

A parole nostre - Sogni, pregiudizi, ambizioni, stereotipi, eccellenze: l'universo raccontato dal punto di vista delle donne. Non solo per le donne.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Decreto Ristori, emendamento per salvare i lavoratori “fragili”: è firmato dalla maggioranza ma ora deve superare il test dell’Aula

next
Articolo Successivo

Strage di Carignano, ancora ‘complimenti’ a tg e giornali per come hanno distinto vittime e killer

next