È morto a 82 anni Luigi Giampaolino, presidente della Corte dei Conti dal 2010 al 2013. Dal 2019 era presidente dell’Istituto Grandi Infrastrutture. Era entrato a far parte della magistratura della Corte nel 1968, proveniente dalla magistratura ordinaria. Tra 1964 al 1968 ha svolto le funzioni di pretore e di giudice di tribunale di Paola. È stato Presidente di Sezione della Corte dei conti dal 1999, svolgendo le funzioni di Presidente della Sezione giurisdizionale della Puglia e di Presidente della Sezione giurisdizionale della Lombardia.

Insignito dell’onorificenza di Cavaliere di Gran Croce al merito della Repubblica, Giampaolino ha ricoperto numerosi e prestigiosi incarichi istituzionali fra i quali presidente dell’Autorità di vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture, capo di Gabinetto del Ministero delle attività produttive, capo dell’Ufficio legislativo del Ministero dell’industria, capo ufficio legislativo del Ministro dei lavori pubblici e capo servizio coordinamento giuridico e legislativo del Ministro per il coordinamento delle politiche comunitarie. E’ autore di numerose pubblicazioni in tema di controllo e giurisdizione della Corte dei conti, nonché di varie pubblicazioni su lavori pubblici, pubblico impiego, diritto penale e contabilità di Stato.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Nave Caprera, il contrabbando ci ricorda che in Italia c’è un altro virus molto diffuso

next
Articolo Successivo

Morto padre Bartolomeo Sorge, il gesuita che la mafia voleva uccidere. E che Papa Luciani avrebbe voluto arcivescovo di Milano

next