Si aggravano le condizioni di salute del cardinale presidente della Cei, Gualtiero Bassetti. Dopo che nei giorni scorsi era risultato positivo al coronavirus, il porporato è stato ricoverato in ospedale. In un comunicato della Cei, si legge che questa mattina il cardinale, arcivescovo di Perugia-Città della Pieve, “è stato trasferito presso l’Ospedale Santa Maria della Misericordia di Perugia, a seguito della positività al Covid-19 riscontrata nei giorni scorsi. Qui verranno verificate e monitorate le sue condizioni di salute con probabile utilizzo di accertamenti strumentali”. Dalla Cei fanno sapere che “il cardinale vive questo momento con fede, speranza e coraggio. Le sue condizioni sono costantemente monitorate. Nel frattempo, sono stati avviati gli accertamenti previsti per il tracciamento e le verifiche dei contatti”.

“Vivo questo momento – ha scritto il porporato in un messaggio – con fede e speranza, affidandomi alla misericordia del Padre. Ringrazio quanti si sono resi vicini con messaggi di solidarietà e con la preghiera. Offro questa prova per tutti i malati, i sofferenti, le persone che hanno vissuto un lutto, i medici e gli operatori sanitari che prestano soccorso con dedizione e cura, i rappresentanti delle istituzioni impegnati a porre un argine a questo virus. Un pensiero particolare ai confratelli vescovi, ai sacerdoti, ai religiosi e alle religiose, ai laici che non hanno mai smesso di testimoniare il volto bello e creativo delle nostre Chiese. È un momento di dolore per tanti”.

Il segretario della Cei, monsignor Stefano Russo, ha espresso la solidarietà di tutta la Chiesa italiana a Bassetti. “Continuiamo – ha affermato il presule – a essere vicini al cardinale presidente. Lo accompagniamo con la preghiera e l’affetto del popolo di Dio, certi che il Signore non farà mancare la sua consolazione e il suo sostegno in questa prova”. “In questo momento – ha aggiunto monsignor Russo – vogliamo esprimere la vicinanza anche a tutte le famiglie e le persone che allo stesso modo sono coinvolte dal Covid perché possano trovare sostegno nella vicinanza di tante persone che si stanno spendendo in questi giorni in diverso modo e con diversi ruoli a servizio delle persone in questo tempo anche così difficile da leggere e interpretare”.

Proprio alla vigilia del ricovero in ospedale del cardinale Bassetti, la Cei ha fatto sapere che il 3 novembre si svolgerà in videoconferenza una sessione straordinaria del Consiglio episcopale permanente presieduta dal vicepresidente, monsignor Mario Meini, vescovo di Fiesole. I lavori prevedono una condivisione e un confronto sulla situazione legata alla pandemia e alla sua progressiva diffusione nel Paese. È in bilico anche l’annuale assemblea generale della Cei, già rimandata da maggio a causa della pandemia, che dovrebbe tenersi a Roma dal 16 al 19 novembre prossimi. Intanto, anche l’arcivescovo di Milano, monsignor Mario Delpini, è risultato positivo. “L’arcivescovo, che non presenta alcuna sintomatologia, – si legge in una nota ufficiale – ha dunque iniziato il periodo di quarantena previsto dai protocolli. Contestualmente sono stati avviati gli accertamenti previsti per il tracciamento e le verifiche dei contatti. Nelle principali celebrazioni che dovevano essere da lui presiedute nei prossimi giorni, l’arcivescovo sarà sostituito dai suoi vicari. Gli altri appuntamenti pubblici previsti in agenda per il periodo di quarantena sono invece rinviati”.

Twitter: @FrancescoGrana

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Attentato Nizza, arrestato un terzo uomo. Perquisizioni ad Alcamo: interrogato un 30enne che ha ospitato Brahim Aoussaoui

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Galli: “Situazione sempre più preoccupante. Non affolliamo i cimiteri, i nostri morti ricordiamoli nel cuore”

next