“Non è questo il momento per un lockdown totale con il Paese fermo e tutti a casa”. Lo ha detto a L’Ospite, su Sky TG24 il ministro per gli Affari regionali e le Autonomie Francesco Boccia, collegato da casa sua dove è in isolamento dopo essere risultato positivo al coronavirus. “Quando lo abbiamo fatto a marzo e aprile era necessario rafforzare le terapie intensive – ha spiegato -, non avevamo i ventilatori che oggi sono stati acquistati e distribuiti. Quella fase non esiste più, non dobbiamo arrivare lì e non ci arriveremo perché le reti sanitarie sono rafforzate. Dobbiamo stringere molto di più e le valutazioni saranno sempre fatte di comune accordo tra tutte le forze politiche e con le Regioni e gli enti locali”.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Reggio Calabria, il dem Falcomatà chiama in giunta l’ex deputata Pdl e poi alfaniana Rosanna Scopelliti

next