Per il testo definitivo servirà ancora qualche giorno, ma un accordo di massima sulla legge di bilancio 2021 è stato raggiunto. Al termine di una lunga nottata di trattative, con i renziani che si erano detti pronti a far saltare il tavolo qualora non fossero cancellate plastic e sugar tax, il consiglio dei ministri ha approvato “salvo intese” la manovra economica e il Documento programmatico di bilancio, la sintesi della Finanziaria da inviare a Bruxelles. Via libera a sorpresa anche a un decreto ad hoc per prorogare il blocco del pagamento delle cartelle esattoriali fino a fine anno, mentre quello per l’estensione della Cig al 31 dicembre – come anticipato ieri – arriverà fra un paio di settimane (in manovra c’è già l’estensione a marzo). “La manovra per il 2021 ammonta a oltre 39 miliardi di euro: circa 24 stanziati direttamente in bilancio a cui si aggiungono oltre 15 miliardi dal programma Next Generation EU – ha spiegato il ministro Roberto Gualtieri -. L’obiettivo principale è dare un deciso impulso alla ripresa dell’economia, sostenendo gli investimenti, l’istruzione, il welfare e proseguendo la riduzione delle tasse sul lavoro e sull’impresa”.

Gran parte delle risorse sono destinate a contrastare gli effetti della pandemia: ci sono 4 miliardi per i settori più colpiti dalla crisi, 5 per la proroga della cassa integrazione, 6 per mettere a regime la decontribuzione del 30% per tutti i lavoratori nel Mezzogiorno. Ci sono poi 4 miliardi per l’assunzione di medici e infermieri e l’acquisto di farmaci – “Proseguiamo lungo il chiaro indirizzo seguito da questo governo: mai più tagli alla sanità, ma investimenti sulla salute, il nostro bene più prezioso”, commenta Gualtieri – e 6 miliardi per scuola e università. L’assegno unico per le famiglie partirà nel luglio 2021 e costerà quindi l’anno prossimo “solo” 3 miliardi. Arrivano anche 200 milioni (altrettanti sono previsti per il 2022) per consentire “a decine di migliaia di giovani di partecipare al servizio civile universale“.

Stop alle cartelle esattoriali fino a dicembre – La prima novità emersa dal Consiglio dei ministri riguarda proprio lo stop alle cartelle esattoriali fino a fine anno, una misura che piace sia a Italia Viva che al Movimento 5 stelle. Nel decreto ad hoc varato nella notte, chiarisce il comunicato diffuso da Palazzo Chigi al termine del cdm, viene disposta la proroga fino al 31 dicembre 2020 della sospensione delle attività di notifica di nuove cartelle di pagamento, del pagamento delle cartelle precedentemente inviate e degli altri atti dell’Agente della Riscossione, compresi dunque i pignoramenti di stipendi e pensioni. Allo stesso tempo, si proroga al 31 dicembre anche il periodo durante il quale si decade dalla rateizzazione con il mancato pagamento di 10 rate, anziché 5. Per consentire uno smaltimento graduale delle cartelle di pagamento che si sono già accumulate, alle quali si aggiungeranno quelle dei ruoli che gli enti consegneranno fino al termine della sospensione, precisa ancora il comunicato, è inoltre previsto il differimento di 12 mesi del termine entro il quale avviare alla notifica le cartelle.

Proroga Cig selettiva – Vengono finanziate ulteriori settimane di Cig Covid fino a marzo 2021, con lo stesso meccanismo che prevede la gratuità della Cassa per chi ha registrato perdite oltre una certa soglia. Per quanto riguarda la proroga fino a fine anno, invece, si attende un nuovo decreto dopo un confronto tra governo e sindacati.

4 miliardi alla sanità – Un miliardo è destinato al finanziamento del Fondo sanitario nazionale. Le altre risorse serviranno per il sostegno del personale medico e infermieristico, compresa la conferma anche per il 2021 di 30.000 fra medici e infermieri assunti a tempo determinato per l’emergenza e il sostegno delle indennità contrattuali per queste categorie. Arriva, una novità, un fondo per l’acquisto di vaccini e per altre esigenze correlate alla pandemia. Dovrebbe valere 400 milioni per 2 anni.

Riforma del fisco – Come ampiamente anticipato, viene finanziata a partire da luglio 2021 la riforma per le famiglie, con l’introduzione dell’assegno unico che viene esteso anche agli autonomi e agli incapienti. Viene inoltre prolungata la durata del congedo di paternità. Per l’assegno le risorse aggiuntive dovrebbero essere di 3 miliardi per il prossimo anno, mentre a regime vengono stanziati 8 miliardi di euro annui per la riforma fiscale, che comprende l’assegno universale, ai quali si aggiungeranno le risorse derivanti dalle maggiori entrate fiscali che confluiranno nell’apposito fondo ‘per la fedeltà fiscale’. La nuova Irpef arriverà poi per delega e sarà operativa, nelle intenzioni del governo, dal 2022.

Incentivi per il lavoro al Sud e per l’assunzione di under 35 – Diventa strutturale la fiscalità di vantaggio per il Sud, cioè la decontribuzione del 30% per i lavoratori e per i nuovi assunti, con uno stanziamento di 13,4 miliardi nel triennio 2021-2023. Prorogato per il 2021 il credito di imposta per gli investimenti nelle Regioni del Meridione (per 1 miliardo). Vengono anche azzerati per tre anni i contributi per le assunzioni degli under 35 a carico delle imprese operanti su tutto il territorio nazionale.

Bonus 100 euro in busta paga – Con circa 1,8 miliardi di euro aggiuntivi, per uno stanziamento annuale complessivo di 7 miliardi, viene portato a regime il taglio del cuneo per i redditi sopra i 28.000 euro. Si tratta del rafforzamento del bonus Renzi da 80 euro, portato a 100 a luglio di quest’anno, e confermato per tutto il 2021. La misura prevede un aumento di 100 euro mensili in busta paga che va ad azzerarsi per chi ha uno stipendio annuo di oltre 40mila euro.

Fondo Covid per i settori in crisi – Nasce un fondo da 4 miliardi a sostegno dei settori maggiormente colpiti durante l’emergenza, come ristoranti e turismo. Viene prorogata la moratoria sui mutui e la possibilità di accedere alle garanzie pubbliche fornite dal Fondo Garanzia Pmi e da Sace. Viene fornito un sostegno aggiuntivo alle attività di internazionalizzazione delle imprese, con uno stanziamento di 1,5 miliardi di euro. Vengono prorogate le misure a sostegno della ripatrimonializzazione delle piccole e medie imprese.

350 milioni ai trasporti – Pronti 350 milioni da utilizzare nei primi mesi del 2021 arriva un soccorso per il trasporto pubblico locale, colpito dalle misure di contenimento del virus. Il focus andrà dedicato in particolar modo ai trasporti scolastici.

Plastic tax e sugar tax – Nel comunicato finale del Cdm le due misure green, già rinviate una volta a causa della pandemia, non vengono citate. Potrebbe essere questo uno dei punti che ha costretto la maggioranza ad approvare “salvo intese” la legge di bilancio. Stando a quanto trapelato finora, però, sembra che l’orientamento del governo sia di posticiparle ancora una volta, a luglio 2021, accogliendo le richieste di Italia Viva.

Pensioni – Il pacchetto pensioni comprende la proroga di opzione donna e dell’Ape social, allargata ai disoccupati.

Scuola e diritto allo studio – Viene finanziata con 1,2 miliardi di euro a regime l’assunzione di 25mila insegnanti di sostegno e vengono stanziati 1,5 miliardi di euro per l’edilizia scolastica. È previsto un contributo di 500 milioni di euro l’anno per il diritto allo studio e sono stanziati 500 milioni di euro l’anno per il settore universitario. Sono destinati 2,4 miliardi all’edilizia universitaria e ai progetti di ricerca. Vengono inoltre destinati 600 milioni di euro all’anno per sostenere l’occupazione nei settori del cinema e della cultura.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Atlantia vende il 49% di Telepass al private equity svizzero Partners group per 1 miliardo. Entro lunedì l’offerta di Cdp per Autostrade

next
Articolo Successivo

“Sì al cashback, ma tutte le spese con carta dovrebbero essere detraibili dalle tasse”. Italiani come noi, il vox di Piero Ricca

next