L’accordo politico è arrivato già durante la maratona negoziale di venerdì notte: una delle principali novità inserite nella manovra 2021 sarà l’assegno unico per ogni figlio a partire dal settimo mese di gravidanza fino al ventunesimo anno di età. La misura partirà il prossimo luglio e non varrà solo per i lavoratori dipendenti: sono inclusi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Ritardi e zero dialogo: ecco perché bus e treni sono pieni

prev
Articolo Successivo

A ristoranti e turismo aiuti per 3 mld (e non bastano)

next