Era riuscito ad abbattere 73 tordi grazie a un richiamo acustico con batteria e telecomando, vietato, con il quale attirava gli uccelli. Un cacciatore 60enne della Val Brembana è stato sorpreso nello scorso fine settimana mentre andava a caccia a Romanengo (Cremona) dai carabinieri forestali di Crema e dagli agenti della polizia provinciale. Gli agenti, insospettiti dall’alto numeri di tordi abbattuti dal 60enne, titolare di una regolare licenza, hanno perquisito l’auto del cacciatore.

I sospetti erano fondati: è stato trovato appunto il richiamo acustico radiocomandato, un dispositivo che riproduce il suono stridulo e meccanico, detto anche ‘zizzo’, caratteristico del tordo, che è una specie migratoria. Gli agenti hanno subito disattivato il marchingegno e sequestrato il fucile e gli uccelli abbattuti, denunciando il 60enne alla Procura.

I dispositivi sonori, come quello sequestrato, sono strumenti che si acquistano liberamente sul mercato, ma sono utilizzabili soltanto per finalità scientifiche o di educazione ambientale. Il loro utilizzo è assolutamente vietato durante la caccia, pena una multa fino a 1.549 euro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Covid-19, perché non siamo a marzo e perché dobbiamo stare attenti a non tornarci. Ecco come leggere i numeri

next