Non ci sono parole per descrivere la crudeltà e la cattiveria del gesto compiuto mercoledì da un gruppo di ragazzini a Casoria, in provincia di Napoli. Uno di loro, giovanissimo, si è accanito, con una violenza inaudita e senza alcun valido motivo, contro un povero gatto che passava per strada, prendendolo a calci e mandandolo a sbattere contro un muro, fino a ridurlo in fin di vita. Il tutto mentre il resto del gruppo riprendeva la scena in un video e lo pubblicava su TikTok.

Le immagini hanno scatenato un’ondata di indignazione oltre che molte critiche sui social, e sull’accaduto è intervenuto anche il consigliere regionale di Europa Verde Francesco Emilio Borrelli che ha commentato: “Mi sono subito attivato per colpire l’autore del gesto e avere notizie del povero animale“. Richiesta già condivisa dalle associazioni animaliste che hanno condannato fermamente l’episodio e chiedono ora che i responsabili del gesto siano individuati e puniti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Francesco Renga, è morto il papà Salvatorico: “Adesso è un angelo”

next
Articolo Successivo

Massimo Boldi: “Invochiamo Sergio Mattarella, basta terrorismo mediatico”. Ma i social replicano: “Fatti un giro negli ospedali”

next