“Attualmente sono 8,6 milioni di persone che si sono dotate dell’applicazione Immuni. Dall’inizio di ottobre i download sono stati 1,967 milioni, dal 1 giugno i casi di potenziali focolai individuati risultano 16 e le notifiche di esposizione registrate dal 13 luglio sono 10.060, con netto incremento, purtroppo, nell’ultimo mese”, così la ministra dell’Innovazione, Paola Pisano, durante il question time alla Camera, rispondendo a un’interrogazione di FdI sull’app Immuni, per il tracciamento dei contagi da coronavirus ed evidenziando che ad averla scaricata sono “il 16% degli italiani sopra i 14 anni”, una percentuale oltre la soglia minima valida per gli studi. La ministra ha sottolineato che dal 19 ottobre la app sarà anche utilizzabile all’interno dell’Unione europea, cioè sarà “inter-operabile” con le altre applicazioni dei Paesi partecipanti. Pisano ha poi ribadito la sicurezza dell’applicazione: “Scaricarla è un gesto semplice e sicuro, di responsabilità verso noi stessi e gli altri italiani – ha concluso – e in grado di aiutare tutti a fronteggiare la pandemia”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Meloni a Conte: “La vostra furia immigrazionista ci farà sbattere fuori da Schengen”. Poi difende Ungheria e Polonia sullo ‘stato di diritto’

next