Con un comunicato stampa, Google ha comunicato la ridenominazione di G Suite in Google Workspace: parliamo della suite per la produttività online, che grazie al nuovo nome potrà essere più chiaramente percepita per ciò che offre e per gli obiettivi che si pone.

“Da più di un decennio costruiamo prodotti per aiutare le persone a trasformare il modo in cui lavorano. Ora, il lavoro stesso si sta trasformando in modi senza precedenti. Per molti di noi, il lavoro non è più un luogo fisico in cui andiamo e le interazioni che prima si svolgevano di persona vengono rapidamente digitalizzate”, si legge nel comunicato di Google. “Nel mezzo di tali trasformazioni, il tempo è più frammentato, diviso tra lavoro e responsabilità personali e le connessioni umane sono più difficili che mai da stabilire e mantenere. Queste sono sfide uniche, ma rappresentano anche una significativa opportunità per aiutare le persone ad avere successo in questo mondo altamente distribuito e sempre più digitalizzato. Con la giusta soluzione, le persone sono in grado di collaborare più facilmente, dedicare del tempo a ciò che conta di più e promuovere le connessioni umane, indipendentemente da dove si trovino. Quella soluzione è Google Workspace: tutto ciò di cui hai bisogno per fare qualsiasi cosa, ora in un unico posto”.

Le novità introdotte per il lancio di Workspace sono davvero tante e di diverso tipo, da una nuova “brand identity” che passa per icone completamente riviste, fino a nuove funzionalità che aiuteranno gli utenti a fare di più e meglio grazie a una più profonda integrazione dei diversi strumenti tra di loro, come ad esempio nel caso di Google Docs, che consentirà di avviare rapidamente una videochiamata di gruppo con tutti i colleghi che in quel momento stanno attivamente collaborando alla modifica di un contenuto.

Le novità annunciate oggi che, lo ricordiamo, riguardano la versione web e non le app per mobile, non saranno comunque tutte disponibili da subito, ma richiederanno come sempre un roll out piuttosto lungo, che vedrà un’introduzione progressiva dei nuovi aspetti, a partire dalle novità più piccole, come ad esempio le anteprime in tempo reale dei documenti. Non vi preoccupate quindi se non trovate riscontro immediato a quanto elencato da Google, tutto arriverà a tempo debito.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

TikTok, i download volano e ora è l’app più redditizia

next