Il gruppo parlamentare del partito di estrema destra tedesco Alternative für Deutschland ha cacciato il proprio portavoce al Bundestag, Christian Lüth. Il motivo dietro questa improvvisa decisione dei vertici della formazione, annunciata dall’ex leader Alexander Gauland parlando con la Dpa, è un’intervista che Lüth ha rilasciato nel febbraio scorso per un documentario trasmesso ieri sull’emittente ProSieben nella quale proponeva di “gasare” i migranti arrivati nel Paese.

Dichiarazioni che hanno provocato l’immediato allontanamento dal partito che riscosse grandi consensi alle Federali del 2017 e che ha però attirato anche accuse di razzismo, xenofobia e antisemitismo per le posizioni estreme espresse da alcuni suoi membri. Ma dopo la messa in onda, la formazione tedesca ha deciso che non c’era altra possibilità se non quella di allontanare il 44enne. Parlando di immigrazione con il giornalista che lo intervistava, Lüth ha dichiarato che “noi possiamo sempre sparargli dopo, non è un tema, oppure li gasiamo, come vuoi, per me è uguale”, aggiungendo poi di aver più volte parlato con Gauland del fatto che “tanto peggio va la Germania, tanto meglio per l’Afd”.

La trasmissione che ha mandato in onda il documentario non ha citato esplicitamente il portavoce al Bundestag, tentando così di preservarne l’identità, ma molti media lo hanno riconosciuto, tanto da convincere anche il partito a prendere provvedimenti: “Le dichiarazioni ascritte al signor Lüth sono totalmente inaccettabili – ha detto Gaauland – e in nulla concordi con gli scopi della politica dell’Afd e del gruppo Afd in Parlamento”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La premio Nobel Svetlana Alexievich lascia la Bielorussia: gli altri membri del consiglio dell’opposizione tutti in carcere o in esilio

next
Articolo Successivo

Francia, un terzo dei focolai è nelle scuole e nelle università. Seguono le aziende e gli ospedali

next