LG amplia la propria gamma di smartphone annunciando due modelli di fascia medio-bassa: LG K42 e LG K52. Parliamo di due smartphone che vanno a collocarsi in un segmento complesso, quello al di sotto dei 250 euro, in cui le vendite sono elevate ma il dominio è in mano ai brand cinesi. I nuovi modelli della serie K arriveranno sul mercato a partire da ottobre, con un prezzo pari rispettivamente a 179,90 e 229,90 euro.

Passando alle caratteristiche tecniche, l’LG K52 mette a disposizione 4 GB di RAM e 64 GB di memoria interna espandibile, accoppiati a un processore octa-core, probabilmente il MediaTek Helio P35, ma LG non l’ha specificato. La parte frontale ospita un display IPS LCD da 6,6 pollici con risoluzione HD+ e fotocamera frontale da 13 Mpixel. Sul retro sono state posizionate quattro fotocamere, un sensore principale da 48 Mpixel, un grandangolare da 5 Mpixel e due sensori da 2 Mpixel, rispettivamente dedicati alla profondità di campo e agli scatti in modalità macro. Il tutto alimentato da una batteria da 4000 mAh. Presente l’NFC. Sarà disponibile nelle colorazioni White e Blue.

LG K42 invece integra un processore octa-core da 2 GHz, abbinato a 3 GB di RAM e 64 GB di memoria interna espandibile. Non cambia il display, ma cambiano le fotocamere che sono sempre quattro ma il sensore principale diventa da 13 Mpixel. Frontalmente, invece, è presente una fotocamera da 8 Megapixel. Anche qui non manca l’NFC. Tre le varianti cromatiche: Green, Gray e Sky Blue. In entrambi i casi, la piattaforma software è affidata ad Android 10.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Attenzione alle app truffa su iOS e Android: Avast lancia l’allarme

next
Articolo Successivo

Instagram, tante novità per Reels, la funzione che sfida TikTok

next