Un sistema in piedi “almeno dal 2006”. Un dirigente presente nella stessa carica dagli anni ’90. E un meccanismo di mazzette, vendita illecita delle postazioni di commercio ambulante e racket che vede coinvolti alcuni esponenti della famiglia Tredicine – i “sindacalisti” Mario e Dino – e i loro referenti della comunità bangladese, messi sotto scacco dall’organizzazione con l’obbligo di versare un vero e proprio contributo mensile. E ai quali, nei mesi scorsi, è stato addirittura imposto di “devolvere” la metà del sussidio Inps per il Covid-19, i 600 euro, erogato nei mesi di aprile e maggio. È l’andazzo, secondo la procura di Roma, messo in piedi da Alberto Belucci, fino al 19 febbraio 2019 dirigente del Dipartimento Attività Produttive del Comune di Roma – nel quale ricopriva anche il ruolo di responsabile dell’ufficio Disciplina – e i “cugini” Dario e Mario Tredicine e Vittorio Baglioni, sindacalisti ed esponenti della nota famiglia di “bancarellari” romani per anni quasi monopolisti del settore nella Capitale. Sono 18 le misure eseguite dagli uomini della Polizia locale e della Guardia di finanza.

Il versamento del sussidio – I fatti contestati agli imputati sono relativi agli anni 2018 e 2019, ma c’è un episodio molto recente, secondo gli inquirenti, significativo della “pericolosità” in particolare dei membri della famiglia Tredicine coinvolti. È il mese di giugno e Mohammad Yousuf Hawlader, uno dei commercianti bangladesi costretti a pagare gli indagati, viene contattato dal commercialista dei sindacalisti, Giovanni Catalano. Hawlader è uno di quelli che paga di più, anche 4.000 euro al mese “a fronte della concessione ai commercianti ambulanti delle migliori postazioni di vendita”. Per arrivare anche a 80.000 euro l’anno, 160.000 euro fra lui e il fratello. Ma nel 2020, una contrazione dei ricavi ha costretto gli esattori a diminuire la dazione di denaro fino a quota 2.500 euro per i mesi di gennaio, febbraio e agosto. A parziale restituzione, secondo il racconto di Hawlader agli inquirenti, viene costretto da Catalano a richiedere il bonus Inps per l’erogazione del sussidio relativo al lockdown. “Gli accertamenti svolti dalla polizia giudiziaria – continua il gip – hanno confermato che sul conto corrente del fratello del dichiarante sono state accreditate dall’Inps le somme di 600 euro per i mesi di aprile e maggio (1.200 euro totali, ndr), e che il giorno successivo all’accreditamento delle somme per il mese di maggio il titolare ha effettuato un prelievo da Atm di 660 euro”.

Il “mercimonio sulle soste” e “quello che sta a Londra” – Il sistema corruttivo nell’assegnazione delle rotazioni, secondo gli investigatori, era gestito da Bellucci. Ma gran parte dei soldi finivano – oltre che nelle tasche degli indagati – anche all’estero. Lo dice chiaramente il dirigente capitolino, in un’intercettazione, riferendosi a Mamun Kazi, bangladese, tecnicamente residente a Roma ma definito “quello che sta a Londra”. “Quello che fa i cambi da Londra, prende i soldi da Londra… e pretendono migliaia di… (omissis)… non c’e che te lo devo impara’ a te tu lo sai che fanno”. E ancora: “Tu c’hai tre turni 3 turni 4 turni e te mandano a lavora’ sulle soste bone, tutte sostar elle fanno i turni che se le vendono 7 piotte (700 euro, ndr)… hai capito? Ma gente poi che non c’ha la licenza”. La tesi investigativa è che licenze vengano in gran parte assegnate a esponenti della famiglia Tredicine, fra fratelli, cugini, genitori, mogli ecc., per poi finire nella compravendita descritta. “Dalla documentazione acquisita – annota il pm – per i soli anni 2017 e 2018 sono emersi 72 casi di rilascio turni di lavoro in presenza di pendenze tributare, anche significative”, e poi: “Di questi 72 casi, circa l’82% hanno riguardato turni di lavoro ritirati e associati all’Associazione Fivag”, fondata dagli indagati.

Soldi nel pianoforte e I soldi nella cylclette – “Finché c’è Alberto, la categoria non muore”, dicevano i Tredicine, intercettati. E il tenore di vita di Bellucci ne avrebbe giovato. Secondo il gip, “risulta del tutto evidente la sussistenza di una chiara sproporzione fra capacita’ reddituale di circa 2000 euro mensili” e “ammontare del denaro depositato sul conto corrente intestato al Bellucci e alla moglie”. In 13 anni, dal 2005 al 2018 la famiglia ha visto incrementare la “provvista” di circa 195.000 euro, con versamenti in contante per 127.000 euro. E nel 2015 Bellucci ha anche acquistato una casa al Quadraro del valore di 215.000 euro “senza ricorrere a mutui fondiari”. Ma anche ai “sindacalisti” arrestati non è andata male. Durante una prequisizione a casa di Vittorio Baglioni, i finanzieri hanno rilevato la presenza di 216.000 euro in contanti, in parte dentro una cassetta di sicurezza (71.900 euro e anche 350.000 lire) e in parte (144.485 euro) in posti come il pianoforte, lo sgabello dello stesso strumento, il sellino della cyclette e la cappa della cucina. Dino Tredicine, invece, è accusato di autoriciclaggio di oltre 600.000 euro fra libretti di risparmio accesi a nome della moglie e dei figli e polizze vita.

I ricorsi di Bellucci in favore dei Tredicine – Controllato e controllore, ma anche “doppiogiochista”. Alberto Bellucci è anche accusato di preparare ricorsi per i Tredicine ai quali era il suo stesso ufficio a dover rispondere. Nell’ordinanza, il gip scrive che il dipendente comunale “quasi quotidianamente contattava direttamente alcuni commercianti ambulanti per informarli del compimento di atti del Dipartimento, e con la stessa frequenza veniva a propria volta contattato per l’effettuazione di consulenze o pareri che lo stesso Bellucci si presta a predisporre anche in contrasto con posizioni espresse dall’amministrazione comunale ovvero degli stessi atti amministrativi del proprio Dipartimento”. Fra i posti più ambiti ci sono le postazione vicino a monumenti e nei pressi del luoghi di eventi importanti e partecipati, come le partite di calcio. Ma anche il mercato natalizio di Piazza Navona, dove da sempre i Tredicine fanno il bello e il cattivo tempo. È il 22 novembre 2018 e “Bellucci – si legge nel report degli inquirenti – avvisa Mario Tredicine dei controlli che saranno avviati riguardo alla festa di piazza Navona”; e ancora: “Dal tenore della conversazione emerge che il funzionario è al corrente del fatto che i pagamenti pregressi per la Cosap non erano regolari e nonostante ciò non ha mai adottato provvedimenti sospensivi o sanzionatori”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

San Matteo-Diasorin, la Guardia di Finanza dal governatore Fontana e dall’assessore Gallera per effettuare una copia del suo cellulare

next
Articolo Successivo

Reggio Calabria, revocati gli arresti domiciliari all’ex direttrice del carcere. Sospensione per 12 mesi

next