Sono entrate al museo d’Orsay, a Parigi, in topless, con addosso scritto “ceci n’est pas obscène“, letteralmente “questo non è osceno”. Così le attiviste del movimento femminista Femen hanno fatto sentire la propria voce dopo che martedì scorso era stato impedito l’accesso al museo a una visitatrice che indossava un abito giudicato “troppo scollato”, scatenando le polemiche in rete.

Secondo i video pubblicati in rete le attiviste, una decina, si sono ritrovate all’interno del museo dando luogo al flashmob. Tutte indossavano la mascherina e si trovavano a distanza di sicurezza. Durante il blitz le donne hanno gridato frasi come “l’oscenità è nei vostri occhi”, o la stessa “questo non è osceno”.

In un comunicato, hanno spiegato la ragione della dimostrazione, citando anche gli episodi estivi di donne cui sono stati creati problemi perché erano in topless in spiaggia: “Il museo d’Orsay ospita numerose opere, molte delle quali nudi femminili e maschili, così come il celebre dipinto ‘L’origine du monde’ di Gustave Courbet. Per quegli agenti un abito scollato è un problema, ma non crea loro alcun problema fissare i seni di una donna e giudicare com’è vestita”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Incendi in Usa, fumo denso e rosso e aria irrespirabile: il paesaggio in Oregon è spettrale. I residenti armati difendono le case dai saccheggi

next