La Francia si prepara a un nuovo giro di vite. La “fase uno” di convivenza con il virus non sta andando come previsto, e a confermarlo sono i numeri: 50mila nuovi casi ogni settimana, 10mila positivi solo nelle ultime 24 ore. Il Comitato scientifico che affianca il governo francese ha constatato che le mascherine e il distanziamento non bastano più. In arrivo ci sono misure più restrittive, per cercare di arginare il contagio e i ricoveri: sono stati 352 in 24 ore, mentre nei reparti di rianimazione sono entrati da ieri 54 nuovi pazienti. A Marsiglia, i 70 posti della rianimazione sono già pieni e se ne stanno aggiungendo altri, in previsione della “seconda ondata”.

A complicare la situazione, ci sono le scuole, che in Francia hanno riaperto dieci giorni fa. Le autorità sanitarie ne hanno chiuse 32, più 524 classi che sono state rispedite a casa, a fare lezione a distanza. L’arrivo dei raffreddori e dei mali di stagione contribuisce a gettare nel caos genitori e insegnanti: il timore che possano essere sintomi di Covid costringe le famiglie a tenere i bambini a casa, con la difficoltà di non poterli lasciare da soli per andare a lavoro.

Per questo, il governo ha comunicato che i genitori costretti a rimanere a casa a causa dei bambini che non possono andare a scuola, avranno diritto alla cassa integrazione per i giorni di assenza. Nei prossimi giorni è attesa una nuova stretta sui comportamenti da seguire. Il presidente del Consiglio scientifico, Jean-François Delfraissy, ha anticipato “decisioni difficili” ma indispensabili per l’esecutivo. Oggi il presidente Emmanuel Macron ha cercato di non agitare ulteriormente gli animi, confermando decisioni importanti ma “su base locale” e soprattutto “senza cedere a nessuna forma di panico”. “Dobbiamo guardare alle prossime settimane”, ha spiegato Macron, cercando di “adeguarci all’evoluzione del virus provando a rallentarne la circolazione con le regole sanitarie e l’organizzazione della vita sociale”. “Dobbiamo farlo – ha continuato – permettendo di continuare a vivere, educare i nostri figli, occuparsi degli altri pazienti e delle altre patologie, avere una vita economica e sociale”.

Memoriale Coronavirus

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Seconda ondata, la Spagna più colpita tra i Paesi Ue: 260 infezioni ogni 100mila abitanti. L’Italia ne registra 32, la Germania 21

next