“Perché sì al referendum? Io odio l’antipolitica l’ho sempre combattuta. E ora non lascio in campo a una riforma che vuole cambiare le cose su una proposta che è sempre stata nel dna dei democratici”, così il segretario del Partito democratico, Nicola Zingaretti, a Di Martedì su La7 parla del referendum e della posizione del partito. “Sento dire, ‘c’è Di Maio che parla di costi’. Ma chi se ne frega di Di Maio, io non lascio il campo di una mia riforma a qualcun altro che non la pensa come me”, continua il dem, sottolineando che “se c’è un piccolo spazio per cambiare le cose, noi dobbiamo entrarci”. E sul rischio per la democrazia che molti portano a sostegno del no, risponde: “Non è in pericolo, lo dico con sincerità”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lega, botta e riposta tra Corrias e Ceccardi a La7: “Salvini un buon ministro? I fatti dicono il contrario, e deve restituire i 49 milioni”

next
Articolo Successivo

Azzolina alla Camera attacca le opposizioni: “Da irresponsabili strumentalizzare la scuola per un pugno di voti”. Proteste in Aula, Fico interviene

next