L’invito a rialzare il “livello d’attenzione” e un appello ai giovani: usare “tutta la cautela possibile”. Nel giorno di Ferragosto, quando i nuovi casi di coronavirus sono aumentati di 629, una quota mai raggiunta dal 23 maggio scorso, Roberto Speranza rilascia un’intervista al Tg1 per definire i dati di Ferragosto come “preoccupanti“. “I dati di questi ultimi giorni non possono non preoccupare”, anche se sono inferiori a quelli riscontrati in altri paesi europei, dice il ministro della Salute. Invitando a “rialzare il livello di attenzione, non possiamo assolutamente vanificare i sacrifici fatti dai cittadini“.

Parole simili a quelle usate dai governatori di Emilia Romagna e Lazio, Stefano Bonaccini e Nicola Zingaretti, e che arrivano dopo le allerte degli esperti che puntano sopratutto a un obiettivo: la chiusura delle discoteche. “Andrebbero chiuse immediatamente”, ha detto il professor Andrea Crisanti, mentre Ranieri Guerra, direttore aggiunto dell’Oms, si focalizza sul rischio “arrivare a ridosso della riapertura delle scuole con un numero di casi che la renderebbero pericolosissima. Perché è matematico che la curva col ritorno”. “Stiamo lavorando incessantemente, la riapertura delle scuole, a metà settembre, in presenza e in tutta sicurezza, è una priorità per il governo”, dice Speranza, che poi annuncia di studiare un “nuovo rapporto organico strutturato, costante tra sanità e scuola: non possiamo lasciare i nostri presidi da soli a gestire questa vicenda”.

E se sul vaccino il ministro si augura che “sia disponibile nel più breve tempo possibile”, e ai giovani che si rivolge durante la sua intervista al telegiornale della rete ammiraglia: “Capisco che c’è volontà di uscire, di vivere dopo i mesi di lockdown -dice il titolare della Salute- ma se contagiano genitori o nonni rischiano i produrre un danno reale. Al momento abbiamo lasciato tre regole fondamentali, che valgono per i giovani ma valgono per tutti: indossare la mascherina, obbligatoria al chiuso ma va indossata anche all’aperto se c’è il rischio di incrociare altre persone; il distanziamento di un metro; lavarsi le mani”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, gli appelli dei governatori. Bonaccini: “Non vanifichiamo i sacrifici”. Zingaretti: “Rischio ritorno indietro è reale”

next
Articolo Successivo

5G, la Camera approva all’unanimità l’indagine conoscitiva. E alcuni risultati sono inaspettati

next