Una “proposta” ricevuta da un “gruppo di ingegneri” che ipotizzano la realizzazione di un tunnel sottomarino al posto del ponte sullo Stretto di Messina. La ministra dei Trasporti, Paola De Micheli, sostanzia l’idea rivelata al premier Giuseppe Conte durante un incontro pubblico a Ceglie Messapica, nel Brindisino, domenica sera. E spiega che “presenteremo la nostra proposta in sede di Recovery Fund per completare il collegamento tra Messina e Reggio Calabria”.

De Micheli non anticipa quale sarà la soluzione che verrà individuata e portata in Europa, ma rivela che “abbiamo avuto una proposta da parte di un gruppo di ingegneri che ci ha sottoposto questa ipotesi del tunnel sottomarino al posto del ponte sullo Stretto di Messina”. Un’idea che non è stata abbandonata in un cassetto, ma che è finita all’attenzione dei tecnici del suo ministero: “Stiamo facendo tutte le analisi tecniche del caso – ha aggiunto De Micheli – perché quella è un’area sismica, un’area vulcanica”.

Quindi, dice ancora la ministra dei Trasporti, “come il presidente Conte sa, abbiamo avviato le analisi”, perché “noi teniamo in grande considerazione la progettualità spontanea, soprattutto se si tratta di un’opera tanto discussa negli ultimi 20 anni e di cui s’è detto di tutto”. “Perciò – ha quindi annunciato – presenteremo la nostra proposta”. Intanto, come da progetto di Italia Veloce, “finanziamo l’alta velocità in tutta la Sicilia e finanziamo l’alta velocità tra Reggio Calabria e Salerno, che in termini temporali sono attività che noi possiamo sviluppare con molto anticipo”, ha concluso De Micheli.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bonus ai deputati, Zaia: “Non nascondersi dietro la privacy, i cittadini hanno diritto di sapere. Ora tutti chiariscano la propria posizione”

next
Articolo Successivo

All’Anticorruzione anche il pm sponsorizzato da Ferri al Csm. Incarico pure al collega di Ghedini e all’avvocata vicina a Meloni

next