#FuoriINomi. Cinque deputati, un conduttore tv e un folto gruppo di amministratori locali – anche governatori e sindaci – fanno domanda per il bonus da 600 euro destinato alle partite Iva in difficoltà e su Twitter scatta la rivolta. E la richiesta di sapere subito chi siano i “senza vergogna“. L’intento è infatti quello di far uscire allo scoperto i parlamentari rei di un gesto giudicato “gravissimo”, “vergognoso”, “avido”, e per il quale si chiedono a gran voce le “dimissioni immediate”.

“Deve essere un coro unanime. Non è una questione politica. Parliamo di morale. Quindi subito #FuoriINomi!!!”, si legge nei tweet raccolti sotto lo stesso hashtag che presto entra tra i trend. “A Montecitorio alcuni deputati hanno beneficiato del bonus COVID…. è indegno ed offensivo per chi durante questa tragedia ha dovuto contare gli spiccioli“. E ancora: “Non pensate neanche lontanamente che ci stancheremo di chiederlo. Continueremo a chiedere i nomi fino a quando non li sapremo. E subito dopo – aggiungono – PRETENDIAMO le DIMISSIONI immediate”.

“#FuoriINomi dei miei 5 dipendenti, lautamente retribuiti, che hanno truffato lo stato! Mi è dovuto!”, scrivono altri. “Le parole sono importanti. Non sono furbetti, ma disonesti e truffatori. Loro come tutti quelli che hanno chiesto il bonus pur non avendone bisogno”. Anche se va detto che non si tratta di truffa perché il decreto Cura Italia e il decreto Rilancio non prevedevano limiti di reddito per poter chiedere e ottenere il bonus.

Nella marea di tweet indignati, c’è anche chi ne fa un fatto personale: “#FuoriINomi perché quando a mia figlia è stato rifiutato il bonus perché non iscritta ad alcuna cassa, l’ho consolata dicendole che ce l’avremmo fatta comunque. Che il bonus era giusto che andasse a chi stava peggio di noi“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Stefania Bonfadelli, chi è la figlia adottiva di Franca Valeri. “Mia madre ironica fino alla fine: ecco il suo ultimo desiderio”

next
Articolo Successivo

Clio Make Up lascia per sempre l’America: “Torniamo in Italia a settembre. Con il Covid la vita a New York è diventata molto più complessa”

next