Un deposito contenente circa 2.750 tonnellate di nitrato di ammonio è esploso nel cuore di Beirut, zona del porto. Un boato di potenza inaudita. Decine di vittime, centinaia di feriti e di dispersi. Le case rase al suolo, oltre 300 mila sfollati. Le auto, spazzate via. Molte le scene di vita quotidiana interrotte con violenza dall’esplosione. Tra queste anche uno dei momenti più belli per una futura sposa. Stava posando per il servizio in abito bianco per le strade di Beirut quando l’esplosione è arrivata in tutta la sua potenza. La telecamera ha continuato a filmare

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Barbara D’Urso e la foto dove “corre stando ferma”: gli haters la attaccano

next
Articolo Successivo

Jerusalema, che cos’è e perché ne sentirete parlare

next