Può un brano del 2019 tornare prepotentemente in classifica e in radio? La risposta è sì, soprattutto se a dar manforte ci pensano TikTok e Spotify. La storia del brano “Jerusalema” del produttore Master KG ha dell’incredibile. Subito due dati per comprendere la dimensione del fenomeno: ha totalizzato oltre 65 milioni di visualizzazioni su YouTube e conta oltre 125 milioni di views su TikTok. Ma non è tutto perché è nella top ten dei singoli in Italia, in radio scala velocemente la classifica dal 44esimo posto al 29esimo (ma è destinato a salire ancora questa settimana), è numero 1 su Shazam Italia, nella classifica Viral 50 Italy di Spotify e su iTunes.

“Jerusalema” è un brano gospel, afro-house del produttore e musicista africano Master KG, cantato in lingua venda. La canzone a distanza di un anno, e in pochissimo tempo, si è trasformato in una “dance challenge” su TikTok lanciata da migliaia di persone in tutto il mondo. Un’onda lunga che ha contribuito a far schizzare in alto questa canzone nella classifica di gradimento estiva. Il titolo “Jerusalema” è in qualche modo una citazione della città santa di Gerusalemme, un omaggio esplicito al luogo di culto: “Gerusalemme è la mia casa, guidami, portami con te, non lasciarmi qui”, recita uno dei versi.

Forse nemmeno il 24enne Master KG poteva mai immaginare un fenomeno di queste proporzioni. Il produttore è diventato famoso nel 2018 con il suo album “Skeleton Move” che ha ottenuto alcune nomination e il riconoscimento AFRIMMA Awards, come miglior electro-africano. È inoltre il pioniere della danza Balobedu.

Insomma il giovane produttore in Italia è entrato a sorpresa a gamba tesa nella battaglia dei tormentoni estivi 2020 e proverà a insidiare i tre brani più forti al momento che sono “Karaoke” di Alessandra Amoroso e Boomdabash, “Bamb Bam Twist” di Achille Lauro e “Ciclone” di Takagi & Ketra con Elodie (primi tre classificati dei brani più passati in radio la scorsa settimana di Earone, ndr). Ci riuscirà? Ai social l’ardua sentenza.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La sposa in abito bianco davanti all’obiettivo del fotografo quando arriva l’esplosione a Beirut: il video

next
Articolo Successivo

Neil Young fa causa a Donald Trump

next