I marinai della marina militare sono schierati con le divise bianche. Parte una musica in sottofondo. È la hit del momento, Jerusalema. La voce di una donna invita ad alzare il volume, mentre un’ufficiale compare nell’immagine e muove i primi passi del ballo di gruppo. La musica viene alzata e i marinai iniziano tutti insieme la coreografia dell’estate 2020. Qualcuno tentenna, altri invece conoscono bene le mosse. Alla fine, comunque, scatta un applauso.

È quanto si vede in un video che sta facendo il giro dei social scatenando le polemiche e che ritrae un episodio accaduto, con ogni probabilità, all’interno della Scuola Sottufficiali Marina Militare di Taranto. Non è chiaro quando le immagini siano state girate, ma sicuramente visto il sole e visto che il balletto è diventato virale nelle ultime settimane grazie all’app TikTok, sono recenti. In molti su Facebook hanno puntato il dito contro il gesto, considerato da molti non consono alla divisa indossata. Secondo quanto riporta La Repubblica la donna che ha dato il via al balletto è stata immediatamente trasferita e nei suoi confronti è stato aperto un procedimento disciplinare. Mentre secondo il Corriere fonti della Marina Militare italiana hanno confermano che si trattava di un momento di svago al termine della cerimonia di giuramento ma che non ha niente a che vedere con il cerimoniale ufficiale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Catania, 17enne positivo dopo festa con mille persone in discoteca. Il commissario regionale Covid: “Limitate le uscite per due settimane”

next
Articolo Successivo

Mamma e figlio scomparsi in Sicilia, si indaga su 2 fronti: nessun riscontro da segnalazioni. La cognata: “Non aveva problemi in famiglia”

next