La dipendenza che li univa li ha separati per sempre. Un uomo di 54 anni e il figlio 25enne sono stati soccorsi nella tarda serata di sabato a Lido di Camaiore, in Versilia, dopo l’assunzione di un cocktail di alcol e droghe. L’overdose ipotizzata dai medici ha ucciso il giovane, mentre il genitore è stato ricoverato in gravi condizioni in ospedale. Proprio lui aveva scritto un libro nel 2007, “Il mio quartiere”, in cui raccontava della sua dipendenza e di come era riuscito ad uscirne.

Nel volume Gerardo Ventrella si rivolgeva al figlio Samuele, invitandolo a non cadere nel baratro che gli aveva rovinato la vita e mandando un messaggio di speranza. Ma le cose sono andate diversamente. Stando a una prima ricostruzione, il padre si trovava da qualche tempo in Versilia ed era stato raggiunto da Torino dal giovane. I due avrebbero trascorso il sabato sera insieme a un altro familiare per poi uscire di casa.

Alle 23.30 circa l’intervento del 118 per strada, a due passi dal lungomare del Lido di Camaiore. Entrambi si sono sentiti male, a una mezz’ora di distanza l’uno dall’altro: sul posto sono arrivati l’auto medica e un’ambulanza della Misericordia di Lido di Camaiore. Il 25enne, secondo quanto spiegato dagli investigatori, era in arresto cardiaco: i sanitari hanno cercato di rianimarlo, poi l’hanno trasportato all’ospedale di Massa dove però è morto nella notte. Gerardo Ventrella, invece, è stato trasferito all’ospedale Versilia, in codice rosso. Sul posto sono poi intervenuti anche i carabinieri della compagnia di Viareggio: già avviati una serie di accertamenti per ricostruire cosa sia accaduto. Gli inquirenti stanno anche cercando di capire chi possa aver fornito lo stupefacente.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mario Paciolla, poliziotti colombiani indagati per “ostacolo alla giustizia”: permisero a personale Onu l’accesso all’appartamento

next