L’immagine di Lewis Hamilton che taglia il traguardo con una gomma bucata resterà nella storia: dopo 49 giri fatti solo di sbadigli, il gran premio di Gran Bretagna sulla pista di Silverstone regala un doppio colpo di scena proprio nel finale. Le due Mercedes che fino a quel momento avevano dominato la gara forano una dopo l’altra: prima tocca a Valtteri Bottas che a tre giri dalla fine vede la sua anteriore sinistra sgretolarsi ed è costretto a rientrare ai box (undicesimo al traguardo). Esulta Charles Leclerc che dopo un gp in difesa riesce comunque a conquistare il terzo gradino del podio, salvando la faccia alla Ferrari. All’ultimo giro però cede anche l’anteriore sinistra di Hamilton: il campione del mondo deve percorrere ancora più di mezzo giro, con Max Verstappen che da dietro spinge al massimo la sua Red Bull. L’inglese riesce ad arrivare al traguardo e vince anche guidando su tre ruote. Per Verstappen il rimpianto di essere rientrato ai box proprio prima dell’ultimo giro, per evitare di fare la fine di Bottas: senza quel pit stop avrebbe rischiato anche lui di forare ma avrebbe potuto passare Hamilton.

La doppia foratura delle due Mercedes ha origine da quanto successo a inizio gara. Il contatto tra Magnussen e Albon fa entrare la safety car già dopo un giro. Poi al passaggio numero 13 arriva l’incidente per Kvyat: ancora safety car in pista. E’ il momento in cui tutti decidono di cambiare le gomme e rientrare con la mescola più dura, per arrivare fino alla fine. Un azzardo, perché la Pirelli consigliava di aspettare almeno il 18esimo giro. Il resto della gara però scorre tranquillo: le Mercedes dominano e si preparano a festeggiare l’ennesima doppietta. Poi però le gomme presentano il conto: alla fine Hamilton si salva, Bottas no. Dietro a Leclerc arrivano Ricciardo, Norris, Ocon, Gasly, Albon, Stroll e Vettel con l’altra Ferrari. La Renault piazza due vetture in quarta e sesta posizione, mentre Lando Norris conferma le potenzialità sue e della McLaren. Il suo compagno di squadra Carlos Sainz è stato a sua volta vittima di una foratura. La Racing Point motorizzata Mercedes va a punti con Stroll.

La classifica del Mondiale piloti di F1 dopo il Gran Premio di Gran Bretagna, a Silverstone:
1. Lewis Hamilton Gbr/Mercedes 88 punti
2. Valtteri Bottas Fin/Mercedes 58 punti
3. Max Verstappen Ola/Red Bull Honda 52 punti
4. Lando Norris Gbr/McLaren Renault 36 punti
5. Charles Leclerc Mon/Ferrari 33 punti

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

F1, Gp Gran Bretagna: in qualifica la Mercedes dà un secondo a tutti. Leclerc 4°, male Vettel

next
Articolo Successivo

Napoli-Lazio, Gattuso dopo la lite avuta con il collaboratore di Inzaghi: “Meritavo l’espulsione, abbiamo acceso troppo i toni”

next