“Avrei voluto essere presente perché la cosa mi avrebbe aiutato e dato tanta forza in più. Purtroppo ho avuto un piccolo infortunio, ma vi tranquillizzo: niente di grave. Quindi, dai tanti che magari speravano qualcosa che potesse mettermi in un angolo, si allontani ogni speranza. Io mi riprendo e lunedì sarò già in Regione a ricominciare a lottare per la nostra grande Lombardia”. Esordisce così il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, che venerdì 31 luglio si è collegato via skype con la festa della Lega a Cervia: “Avrei voluto essere presente, ma ho avuto un piccolo infortunio” ha detto, salutando i militanti.

Io continuerò a combattere per la Lombardia – continua – Se qualcuno pensa, si illude, immagina che io possa mollare, non ha capito niente. Non sono certo queste le ragioni che mi possono fare allontanare dall’impegno che mi sono preso con i lombardi e che voglio onorare fino alla fine del mio mandato. Di lavoro ce n’è tanto, ne abbiamo fatto e lo stiamo facendo. Stiamo ottenendo ottimi risultati con l’uscita dal covid. Grazie alla nostra determinazione, oggi non siamo tra le regioni peggiori d’Italia”.

E aggiunge: “Stiamo facendo un grande lavoro di ripresa economica della nostra Lombardia. E con soldi veri, non coi soldi finti di cui parla lo Stato. I nostri soldi sono risorse vere. Faremo ripartire la nostra economia, ma i lombardi, come i romagnoli, non sono persone che hanno bisogno di stimoli. Sanno loro quello che devono fare: se c’è un problema, lo affrontano e lo superano. Adesso dobbiamo ricominciare a parlare anche di autonomia, di quella sacrosanta richiesta, che non è una concessione che ci deve fare lo Stato, ma è un diritto derivante dalla Costituzione e da un referendum – chiosa – Da domani mattina ricominceremo a lavorare sull’autonomia. Il governo ha sospeso in questo momento ogni forma di democrazia e ogni passaggio parlamentare con la dichiarazione dello stato di necessità. Ma noi non ci dimentichiamo che dobbiamo ricominciare a parlare degli argomenti che possono portare alla modifica delle condizioni dei nostri territori”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Toscana, il caso della candidata M5s: “Fondi a settore birra artigianale”. Il suo compagno coltiva luppolo. La replica: “Accuse infondate”

next
Articolo Successivo

“Scellerato chi si toglie la mascherina per farsi pubblicità”. Zingaretti contro Salvini e i negazionisti del virus. Il leghista replica

next