Formidabile Filippo Facci! E’ “costretto” a riprendere un fatto del 1981 – “Grillo, la vera storia dell’incidente mortale” – ma lo fa controvoglia. Un accenno. Gli dedica solo una pagina intera di Libero. Si capisce subito che gode come un riccio a parlarne, ma simula: “Fa abbastanza schifo – scrive – che nel luglio 2020 si debba tornare su questa vecchia storia”. Dice proprio così, e ci torna su ricordando sadomasochisticamente tutte le volte che ne ha parlato: luglio 2007; aprile 2008; febbraio 2013.

Oggi leggiamo che Beppe Grillo affermò: “L’immagine spaventosa dell’incidente non mi abbandonerà mai.” Il commento dice tutto di Facci: “Non sapeva dei giornalisti pronti a perseguitarlo proprio per quell’immagine.” E’ il suo autoritratto. Completato dal passaggio successivo: “Scriviamo perché qualcuno magari non sa, non ricorda, quindi dobbiamo compiere l’operazione un po’ ipocrita di raccontare tutta la storia da capo.” Si definisce ipocrita da solo e dice che parlare di questa storia, nel 2020, fa schifo. Concordiamo con lui: ipocrisia e schifo, in prima pagina su Libero dove campeggia (anche) una foto di Grillo visto che la notizia è vecchia e non merita risalto.

La verità è che questo giornale spesso travalica i limiti del buon senso, esagera, nega l’evidenza, e fa male alla Comunità che dice di difendere. Senza tasse uno Stato non può funzionare, ovvio, niente entrate addio servizi eccetera. Bene. A Libero sanno tutto questo ma vanno da anni in direzione contraria fino al paradosso estremo: “Personalmente preferirei sperperare i miei averi per retribuire delle prostitute – scrive Feltri – piuttosto che cederli a Conte. Non sarebbe molto diverso, ma almeno mi divertirei di più” (22 luglio).

Capisco la vis polemica e la voglia di contrastare il consenso di Conte, ma che giornalismo è questo? Per vendere qualche copia in più davvero si può oltrepassare ogni limite?

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

In Ungheria e Polonia vengono compromessi dei diritti fondamentali. E non può essere ignorato

next
Articolo Successivo

Tv, nuovi palinsesti ma poche novità. E intanto il mondo cambia

next