Sono 56 le persone indagate per un maxi giro di matrimoni combinati al fine di ottenere permessi di soggiorno per cittadini exracomunitari. A scoprire il business sono state la Guardia di Finanza e la Procura locale secondo cui sono 24 le nozze celebrate in cambio di denaro, con i costi che oscillavano tra i 6mila e gli 8mila euro a cerimonia, con cittadini italiani consenzienti, tutte avvenute a Livorno, tranne una a Rosignano Marittimo, e celebrate da pubblici ufficiali del Comune estranei ai fatti. Tra le persone finite nel registro degli indagati c’è anche un dominicano 56enne, che è stato arrestato, mentre per altre quattro persone è stato disposto l’obbligo di dimora e di firma. L’operazione ha impegnato 100 militari che hanno effettuato anche 55 perquisizioni tra le province di Livorno, Siena, La Spezia, Torino e Padova.

Secondo gli inquirenti, che indagano per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e induzione in falso in atto pubblico, il 56enne di origine dominicana è colui che era al centro del sistema, mentre per gli altri quattro si sospetta il ruolo di organizzatori “seriali” dei matrimoni combinati.

A intascare le somme versate dai cittadini stranieri sono stati, secondo le indagini, i coniugi italiani (15 uomini e 9 donne livornesi), il 56enne dominicano e i vari organizzatori delle cerimonie. Tra gli stranieri che con le nozze hanno ottenuto il permesso di soggiorno 16 sono originari della Repubblica Dominicana, due del Perù e altrettanti della Nigeria, uno rispettivamente di Cuba, Marocco, Tunisia e Senegal.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Arrestato il comandante di una stazione dei carabinieri nel Barese: “Fece sparire cisterna durante un sequestro e poi depistò le indagini”

next