Una fuga di massa in piena notte ha fatto scattare le ricerche di un gruppo di migranti che erano ospitati nel centro per richiedenti asilo Cara di Restinco, alle porte di Brindisi, dove stavano osservando il periodo di quarantena imposto dopo lo sbarco.

In 30 si sono allontanati dalla struttura attorno alle 2.30, violando il periodo di isolamento anti-Covid al quale era sottoposti in seguito all’arrivo sulle coste italiane. Al momento dello sbarco – è bene precisarlo – erano risultati negativi al tampone.

Gran parte del gruppo è tuttora ricercato da carabinieri, poliziotti e finanzieri, cui è affidata la vigilanza della struttura. Solo nove sono stati già rintracciati. Due sono stati trasportati al pronto soccorso dell’ospedale Perrino perché feriti. Al momento, dunque, si sono perse le tracce dei restanti 21.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Nubifragio a Milano, allagato il sottopasso di viale Marche. Traffico bloccato in gran parte della città

next
Articolo Successivo

Milano, il Seveso esonda e i cittadini si lamentano: “Così da 30 anni”. L’assessore: “Piogge intense, ora accelerare la soluzione”

next