La deputata Alexandria Ocasio-Cortez ha raccontato di fronte al Congresso la violenza verbale subita dal rappresentante repubblicano Ted Yoho: “Ha messo un dito sulla mia faccia e mi ha chiamato “disgustosa”. Mi ha chiamato “matta“, “fuori di testa” e mi ha definito “pericolosa” – ha raccontato Ocasio-Cortez – C’erano dei giornalisti di fronte a Capitol Hill e davanti a loro il rappresentante Yoho mi ha definito, e qui cito ‘Una f*****a s*****a’”. La deputata, che da sempre si batte per i diritti delle donne, ha ringraziato il deputato Yoho per aver dimostrato ancora una volta che “Si può essere uomini di prestigio e aggredire le donne. Puoi avere delle figlie e aggredire delle donne senza rimorso. Puoi essere sposato e aggredire le donne. Puoi scattare foto che mostrino al mondo quanto tu sia un uomo di famiglia e aggredire le donne senza rimorso e con l’idea di totale impunità”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Turchia, prima preghiera islamica a Santa Sofia dopo 86 anni: stop agli accessi per le migliaia di fedeli presenti

next
Articolo Successivo

Israele, Netanyahu pensa al quarto voto in meno di due anni per rinviare i processi a suo carico. Rivlin: “Stato non è bambola di pezza”

next