In primo grado i giudici avevano determinato una pena di 16 anni, ma la Corte d’appello di Roma ha deciso di ridurre a 14 anni e 8 mesi di carcere la condanna per Lorenzo Marinelli e Daniel Bazzano, autori del ferimento del nuotatore Manuel Bortuzzo avvenuto a Roma la notte tra il 2 e 3 febbraio del 2019. I giudici hanno fatto cadere l’accusa di tentato omicidio nei confronti della fidanzata di Bortuzzo, Martina Rossi.

I due sono accusati di tentato duplice omicidio premeditato e porto, detenzione e ricettazione d’arma da fuoco ed erano stati processati con rito abbreviato nell’ottobre dello scorso anno. A seguito dell’aggressione Bortuzzo, promessa del nuoto, è stato costretto alla sedia a rotelle. Un proiettile lo ha infatti colpito alla schiena, causandogli una lesione midollare che gli ha paralizzato le gambe.

L’avvocato del nuotatore, Massimo Ciardullo, ha dichiarato che “Manuel e la sua famiglia che hanno accettato serenamente la decisione dei giudici, senza nessuna polemica. Dal canto mio – ha osservato il legale – è una sentenza che rispetto ma che non condivido, attendo di leggere le motivazioni. Dobbiamo capire perché è caduta l’accusa di tentato omicidio nei confronti della fidanzata di Manuel“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Strage di Bologna, “un milione di dollari in contanti consegnati ai Nar prima del 2 agosto 1980. Soldi da un conto di Licio Gelli”

next
Articolo Successivo

Catania, il sindaco Salvo Pogliese (Fdi) condannato per le spese pazze: sospeso dall’incarico in virtù della Legge Severino

next