Il lockdown ha messo a dura prova le relazioni. La convivenza forzata, i figli a casa, il telelavoro o il lavoro fermo, hanno stressato le coppie. Tutte indistintamente, ma c’è chi di fronte all’impatto devastante delle restrizioni e delle nuove responsabilità ha resistito e reagito meglio. Secondo gli psicologi dell’associazione fiorentina Noi per Voi – come riporta Italia Oggi – i conviventi hanno dimostrato più coesione rispetto agli sposati.

Subito dopo la fine delle restrizioni, lo scorso maggio, si era registrato un boom di richieste di divorzio. Se per i fidanzati lasciarsi è più semplice, le cose si complicano per i coniugi anche se l’emergenza ha portato anche la possibilità di richiedere la separazione consensuale via mail. Per l’associazione di Firenze, però, nella maggior parte dei casi il rapporto tra conviventi ha tenuto meglio.

Per comporre questa indagine è bastato un questionario sottoposto a 522: 74% donne e 26% uomini, la maggior parte tra i 41 e i 50 anni. I conviventi senza figli hanno superato più brillantemente la clausura rispetto ai conviventi con figli. Ma non solo: a influire anche la lunghezza del rapporto. Chi ha un rapporto giovane – tra 12 mesi e i 5 anni o da più 25 anni – ha dimostrato una maggiore tenuta, meno forti le coppie insieme da più di 6 anni e meno di 25.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Trenitalia, i trasporti pubblici per ragazzi devono essere gratis: la lotta per il clima passa anche da qui

next
Articolo Successivo

‘Ecco la campionessa di bocce!’. E se te la prendi è perché sei puntigliosa

next