Eugenio Scalfari diventa “Eugeni“. E non è un refuso della concorrenza ma proprio del giornale che da Scalfari è stato fondato e diretto per un ventennio. Oggi, infatti, a pagina 25 della prima edizione del quotidiano La Repubblica, in apertura di un articolo dedicato a Giulia Maria Crespi, la firma del fondatore è stata storpiata in “Eugeni Scalfari“. “La Signora del Novecento”, è il titolo scelto per il ricordo reso dal noto giornalista sulla Crespi, scomparsa nelle scorse ore. Su Twitter, però, numerosi utenti hanno fatto poco caso al contenuto dell’articolo, concentrandosi sulla firma “inedita”: “Il principe dei refusi. Chiedete subito scusa al Fundadór. Visto oggi a pagina 25, prima edizione del giornale” scrive PazzoperRepubblica, il noto account di autoproclamati “feticisti” della testata.

L’account cita un altro utente, Libero Petrucci, come fonte. Il quale dal suo profilo posta la foto della pagina con refuso: “Un tocco di esotismo per il Fundadòr. L’errore è stato corretto nelle edizioni successive del quotidiano cartaceo, ma ha fatto in tempo a rimbalzare sui social network. Scalfari, come è noto, ha condato Repubblica nel 1976 portandola, in un ventennio di direzione, a diventare tra i principali quotidiani italiani.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

La Repubblica tradita

di Giovanni Valentini 12€ Acquista
Articolo Precedente

Par condicio, l’Agcom: “A marzo-maggio poco spazio al M5s nei tg e troppo all’opposizione. Enfasi sul premier plausibile per pandemia”

next
Articolo Successivo

Audiweb 2.0, Nielsen si ritira dopo la rottura con Facebook. Muraglia: “Dobbiamo seguire l’evoluzione tecnologica”

next