Consulenze senza bando per una fusione senza bando. Prima il Tar ha sospeso l’integrazione tra A2A e AEB perché l’ingresso della multiutility di Milano e Brescia nel capitale di quella brianzola (AEB sta per Ambiente Energia Brianza) è stata decisa senza passare per una gara. Ora salta fuori che senza gara erano anche alcune delle consulenze preparatorie a tale integrazione, affidate da AEB a Roland Berger, società che come capo progetto aveva, tra l’altro, un ex consulente proprio di A2A. Tanto che di “possibile conflitto di interessi” parlano due dei firmatari del ricorso al Tar, il consigliere regionale del M5s Marco Fumagalli e il consigliere comunale di Seregno Tiziano Mariani.

A finire sotto accusa sono due incarichi affidati direttamente a Roland Berger lo scorso ottobre nel giro di pochi giorni, ciascuno del valore di 39mila euro, appena sotto la soglia da 40mila oltre la quale il codice dei contratti non consente affidamenti diretti: una consulenza sugli “scenari evolutivi di crescita di gruppo” e una sul “supporto per attività di riorganizzazione aziendale”. Quest’ultima trasformata in seguito in un incarico per il “supporto alla valorizzazione di iniziative di sviluppo intraprese dal gruppo” di valore leggermente inferiore, 35mila euro, che AEB ha ritenuto necessario nel corso della definizione degli accordi con A2A.

A questi incarichi se n’è aggiunto un altro a fine dicembre, per l’identificazione delle sinergie con A2A e la definizione del piano di partnership: una commessa da 173mila euro, poi diventati 208mila per un’estensione del contratto. Anche questa volta nessun bando, ma una procedura negoziata a cui sono state invitate cinque società, due delle quali si sono ritirate subito per conflitto di interessi, visto che negli ultimi due anni hanno svolto incarichi per A2A. Il gruppo dei candidati non è stato reintegrato e la consulenza è finita a Roland Berger. Un affidamento inopportuno, secondo Mariani, che in un’interrogazione depositata in questi giorni in comune a Seregno, amministrato dal centrosinistra e principale azionista di AEB, ha sottolineato una cosa: il capo progetto di Roland Berger, Pierluigi Troncatti, in passato ha svolto consulenze per A2A, dal 2007 al 2015. Anche Fumagalli parla di un “project manager senza la necessaria indipendenza per svolgere tale ruolo”.

Ma il punto è anche un altro. Per commesse di questo tipo, la soglia per non passare da una gara è di 214mila euro. Più del valore del terzo incarico considerato da solo, ma meno se si aggiungono anche i primi due. “Ci sarebbe stato bisogno di un bando di gara come prevede il codice dei contratti per l’affidamento dei servizi sopra soglia – accusa Fumagalli – Invece si è fatto ricorso a un illegittimo frazionamento dei contratti per rimanere sotto la soglia di gara, contravvenendo anche al principio di rotazione dei contraenti”.

Sulle consulenze di Troncatti per A2A, dagli uffici di AEB fanno presente che “risalgono a molti anni fa e nel settore delle multiutility c’è un giro di persone limitatissimo”. Mentre sui tre affidamenti a Roland Berger sostengono di aver rispettato il codice dei contratti. Una posizione che ribadisce quanto detto a dicembre dalla presidente Loredana Bracchitta, che per giustificare la separazione delle prime due consulenze da 39mila euro si era lanciata in una difesa non troppo convincente: “I due incarichi sono di natura del tutto diversa e indipendente uno rispetto all’altro. Anche se i risultati di ciascuno possono essere in qualche modo utili a rapportarsi anche con quelli dell’altro, gli affidamenti dovevano necessariamente essere separati”. Ed era arrivata addirittura a teorizzare l’inutilità del confronto tra più preventivi: “Se si fosse fatto ricorso a diverse procedure di affidamento, i compensi richiesti sarebbero stati ben più alti”. I bandi di gara, per lei, non convengono.

@gigi_gno

Riceviamo e pubblichiamo
Nel ringraziare la testata per la possibilità di replica in merito all’articolo uscito sull’edizione online del 19/07 u.s., precisiamo che ad AEB sono state strumentalmente attribuite irregolarità senza che ve ne sia il minimo fondamento giuridico o procedurale. Gli affidamenti a Roland Berger, come a qualunque altro fornitore della Società, sono pubblici e, come tutte le nostre
attività, verificabili da chiunque, in ogni momento. La legge prevede delle norme molto stringenti e dettagliate che la Società ha sempre osservato. Gli incarichi affidati a Roland Berger sono relativi ad attività molto diverse e parlare di “illegittimo frazionamento” per aggirare le norme è del tutto pretestuoso e completamente falso. Se così fosse stato, sarebbero già intervenute le stesse Società escluse dalla gara economicamente più corposa, che, proprio per l’entità dell’incarico, eravamo tenuti a fare e che, come sempre, abbiamo fatto. Per quanto riguarda le accuse di conflitto di interesse mosse al Dr. Troncatti, valgono le stesse regole. Nell’incarico messo a gara e vinto da Roland Berger avevamo previsto che l’affidatario dichiarasse l’assenza di conflitti di interesse (art. 22 capitolato speciale) secondo i parametri temporali previsti dalla legge. E anche questo è puntualmente avvenuto. Ora, vista la completezza e l’esaustività dei chiarimenti da noi forniti in ogni sede ne consegue che l’eventuale persistenza di contestazioni e/o la divulgazione di false notizie non può che essere intesa come volontà di alimentare una sterile, infondata, e strumentale polemica sull’operato della Società.

Gruppo Aeb

Prendiamo atto delle precisazioni, che non smentiscono quanto scritto nell’articolo in cui si è correttamente dato conto della posizione di AEB così come di quella di due dei firmatari del ricorso al Tar sulla fusione tra AEB e A2A. Riguardo all’incarico affidato con la “gara economicamente più corposa”, questo è un incarico affidato attraverso una “procedura negoziata per affidamenti sotto soglia”, come riportato sul sito di AEB, e cioè una procedura senza pubblicazione del bando a cui sono state invitate cinque società, due delle quali si sono subito ritirate dichiarando un conflitto di interessi, mentre dal verbale della procedura risulta che solo Roland Berger è stata ammessa alla fase di valutazione. (L.F.)

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili