Dopo due mesi di cure in Francia e il ritorno a casa, il primo ministro della Costa d’Avorio, Amadou Gon Coulibaly, candidato del suo partito alle prossime presidenziali, è morto all’età di 61 anni. Il decesso sembra essere legato al peggioramento delle sue condizioni dopo il ritorno a casa da due mesi di cure in Francia, dove si era rifugiato probabilmente a causa di complicanze cardiache, visto che nel 2012 aveva subito un trapianto di cuore.

Nessun particolare è però stato diffuso né sulle cause del decesso, né su quelle del lungo ricovero in Francia. Di sicuro c’è che la sua scomparsa crea scompiglio all’interno della formazione di governo in vista delle prossime elezioni. Da capire, infatti, chi rappresenterà la formazione del presidente Alassane Ouattara, visto che quest’ultimo non potrà ricandidarsi e dovrà lasciare l’incarico dopo il secondo mandato.

Il partito di Ouattara è al potere da quando le violenze post-elettorali un decennio fa causarono la morte di 3mila persone, dopo che il presidente Laurent Gbagbo rifiutò di ammettere la sconfitta in un ballottaggio.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Baviera, la provocazione del deputato di estrema destra: indossa maschera antigas durante seduta del parlamento. Ripreso dal vicepresidente

next
Articolo Successivo

Spagna, la monarchia trema di nuovo. E forse stavolta non si torna indietro

next