La produzione industriale tedesca continua a deludere le aspettative degli analisti e a soffocare una possibile ripresa dell’intera eurozona. A maggio, dopo il lockdown per il coronavirus, il consensus di Bloomberg si aspettava un rimbalzo intorno all’11%, in linea con le altre stime che prevedevano un +10 per cento. Invece, nonostante la fine delle restrizioni, la produzione industriale in Germania è salita di un +7,8% rispetto al mese di aprile, facendo registrare comunque rispetto a un anno fa un perdita del 16,9 per cento.

Seppur in recupero, il dato della ‘locomotiva d’Europa‘ è sotto le attese. E arriva dopo che ad aprile la produzione era crollata del 17,5% e a marzo era scesa del 9,2% a causa dell’emergenza sanitaria legata al Covid-19. Per la maggiore economia dell’Eurozona continua la tendenza al ribasso, dopo che il 2019 è stato definito da molti “un anno terribile per l’industria tedesca“, chiuso a dicembre con il quinto calo della produzione negli ultimi sette mesi dell’anno.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Btp Futura, richieste oltre i 2,3 miliardi nel primo giorno di collocamento. Mef: “Valutiamo prossima emissione entro l’anno”

next
Articolo Successivo

Come cambiano gli appalti (per un anno): massimo 4 mesi per scegliere l’impresa, anche sopra 5 milioni possibile procedura senza gara

next