“Una recessione ancora più profonda delle attese”, con “divergenze più ampie” rispetto a quanto stimato finora. Nelle sue previsioni d’estate la Commissione europea certifica il collasso dell’economia di tutta l’Eurozona a causa del coronavirus. La maglia nera spetta all’Italia, con un calo record del Pil dell’11,2 per cento atteso per il 2020 (dato ancora peggiore rispetto alle stime di maggio). Una cifra che “non deve spaventarci“, ha dichiarato il presidente del Consiglio Giuseppe Conte. “Il calo era ampiamente previsto, salvo qualche dettaglio sulla cifra esatta”. Quello che conta ora è “lo scatto di reni del Paese”. La premessa alla ripresa, sostiene il premier, è il decreto Semplificazioni approvato nella notte, a cui si accompagnano il Dl Rilancio e il Recovery Plan atteso per settembre. Per un parziale recupero dell’economia secondo Bruxelles si dovrà aspettare il 2021 (+6,1%). Vanno male anche Spagna (-10,9%) e Francia (-10,6%), non a caso i Paesi che spingono di più per il via libera al Recovery fund. Ma a soffrire è l’intera area euro: il prodotto interno lordo scenderà a -8,7% nel 2020, salvo poi risalire al 6,1%.

Non dobbiamo lasciarci spaventare adesso dal calo del Pil”, ha commentato il presidente del Consiglio Giuseppe Conte. “È ampiamente previsto, salvo qualche dettaglio sulla cifra esatta. Il problema ora è la terapia d’urto”, cioè il rilancio del Paese. “Le previsioni economiche d’estate ci mostrano che la strada per la ripresa è ancora lastricata di incertezza“, ha dichiarato il commissario Ue all’economia Paolo Gentiloni. “La pandemia ha colpito l’economia europea più forte dell’atteso, anche se un cauto rimbalzo sta cominciando”. I Paesi che cedono meno sono Lussemburgo e Malta, che comunque lasciano sul terreno rispettivamente il 6,2% e il 6% del Pil. Contrazioni ridotte anche per Germania, Olanda e Polonia. I motivi, spiega Gentiloni, sono legati “alla diversa tempistica e rigore dei lockdown, e alla diversa struttura economica”. Per sostenere la ripartenza di tutta l’Unione, però, a suo parere è necessario procedere con la revisione del patto di Stabilità. Un dossier sospeso durante l’emergenza ma che potrebbe ripartire “dopo l’estate”.

Anche le stime sull’inflazione subiscono un ritocco: nel 2020 in Italia ci si aspetta una crescita zero, in risalita a +0,8% nel 2021. Nelle previsioni di maggio, invece, Bruxelles stimava rispettivamente -0,3% e +0,7%. Il Covid-19 e le misure di contenimento, fa sapere la Commissione, hanno provocato una “profonda contrazione” dell’economia italiana. L’impatto, dovuto al blocco della produzione, sarà “ancora più pesante nel secondo trimestre” rispetto al primo. Nel terzo trimestre, invece, ci si attende una ripresa delle attività economiche grazie alle politiche del governo, ma solo in assenza di una seconda ondata di contagi. La produzione industriale riprenderà “più rapidamente”, si legge ancora nel documento, ma il turismo e tutte le attività associate impiegheranno più tempo per recuperare terreno. La spesa dei consumatori dovrebbe riprendere dalla metà dell’anno, e il sostegno della cassa integrazione o di altri schemi dovrebbe ridurre l’impatto della crisi sui salari. Ma gli investimenti delle aziende “rimarranno depressi quest’anno, data l’alta incertezza sul fronte della domanda e la necessità delle aziende di conservare liquidità”, nonostante i prestiti garantiti, crediti fiscali e altre forme di sostegno. Per l’Italia, conclude Bruxelles, “le stime di crescita restano soggette a rischi al ribasso“. Come se non bastasse, “un crollo del mercato del lavoro protratto, una volta che le misure di emergenza saranno terminate, potrebbe frenare l’attesa ripresa”.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Btp Futura, parte l’emissione. Bel nome, poco rendimento e parecchio rischio

next
Articolo Successivo

Brebemi, con questi numeri non si va lontano

next