Non c’è ancora tregua per la viabilità in Liguria: il rientro anticipato dalle spiagge della costa verso la Lombardia e il Piemonte, per evitare gli ingorghi serali, sta già creando i primi disagi, con diversi chilometri di coda su A7, A10 e A26. La ragione continuano a essere i cantieri di Autostrade, oggetto di un nuovo vertice tra il ministero dei Trasporti e il concessionario. Per quanto riguarda la fine dei lavori critici e il ritorno almeno alle due corsie su tutta la rete regionale, è stata confermata la scadenza del 10 luglio. Dopo però dovranno continuare le verifiche sulle altre gallerie: il ministero ha chiesto ad Aspi di “accelerare le ispezioni, anche mettendo a disposizione personale e soluzioni tecnologiche più veloci“.

La situazione sulle strade liguri – In A7 si registrano due chilometri di coda tra Bolzaneto e Busalla, in direzione Milano. In A10, in direzione Genova, quattro km di coda tra il bivio A10/inizio complanare Savona e Albisola. Un altro km di coda, in direzione Genova, tra Arenzano e e il bivio A10/A26 Trafori. Infine in A26, in direzione Gravellona Toce, ci sono due km di coda tra il bivio A26/A10 Genova-Ventimiglia e Masone.

Il vertice tra ministero e Autostrade – Il Mit intanto continua a monitorare l’avanzamento delle attività di ispezione sulle gallerie liguri svolte dal concessionario Aspi. “Il Ministero sta valutando tutte le iniziative applicabili per contenere i tempi di intervento per limitare i disagi agli utenti senza compromettere in alcun modo le condizioni di sicurezza”, si legge in una nota del Mit, in cui si riferisce che “in questo contesto, in mattinata, il ministero ha incontrato ancora la società concessionaria per aggiornamenti sui cantieri conclusi e quelli in corso”. Confermata “la scadenza del 10 luglio per l’ultimazione dei cantieri critici che dovrebbe contribuire alla normalità della circolazione”. Contestualmente, “alla Società è stato chiesto di accelerare le ispezioni”, spiegano dal ministero. Il Mit ha reso noto che nella “giornata di domani è inoltre prevista la definizione di un Protocollo operativo con Anas per la gestione coordinata dei cantieri in modo da assicurare, in caso di interruzioni al transito, una viabilità alternativa” in Liguria.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Regeni, i genitori agli Stati popolari: “Lottiamo per tutti i Giulio del mondo”. E lanciano appello: “Firmate la petizione per ritirare ambasciatore”

next
Articolo Successivo

Tav, chiodi in autostrada: forate le gomme dei mezzi della polizia diretti al cantiere di Chiomonte. Il questore: “Fatto grave”

next