Una frana in una miniera di giada nella regione di Hpakant, nel nord del Myanmar, ha ucciso almeno 113 lavoratori. “I minatori di giada sono stati investiti da un’ondata di fango che ha colpito (la miniera) dopo forti piogge”, ha annunciato il dipartimento dei vigili del fuoco del Paese. Al momento, fonti di polizia citate dai media della regione sostengono che le operazioni di soccorso per rintracciare i dispersi sono state sospese a causa delle pesanti piogge. La regione è stata teatro nel 2016 di un’altra grave frana in una miniera costata la vita a 116 persone

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pizza Hut dichiara il fallimento: il colosso Usa del fast food travolto da debiti dopo la crisi dovuta al coronavirus

next
Articolo Successivo

Hong Kong, nuove manifestazioni contro la legge sulla sicurezza nazionale: scontri con la polizia

next