Tesla sorpassa la Toyota e diventa la società automobilistica con più il più alto valore al mondo. Il sorpasso è avvenuto in giornata a seguito di un aumento del 3,5% dei titoli che hanno portato la capitalizzazione di mercato del colosso delle auto elettriche a 207,2 miliardi di dollari, cinque in più rispetto alla multinazionale giapponese. Ora, la società guidata da Elon Musk ha raggiunto un valore totale di circa 190 miliardi di dollari, circa trenta in più della rivale Toyota.

La crescita di Tesla non è, ormai, più una novità nei mercati statunitensi. La compagnia ha quasi raddoppiato il proprio valore da inizio anno, sbaragliando la concorrenza attraverso metodi di produzione ben diversi da quelli a cui l’establishment del mondo dell’automobile era abituato. Ad esempio, Tesla nel primo quadrimestre dell’anno ha prodotto solo 103,000 veicoli, ovvero circa il 4% dei quasi 2,4 milioni prodotti dalla Toyota.

Dall’inizio della sua storia, Tesla ha sperimentato varie sistemi di propulsione che fossero alternativi all’utilizzo del combustibile fossile: nel tempo ha unito al design delle sue auto elettriche anche batterie in grado di prolungarne l’autonomia e garantire prestazioni elevati. Per la Toyota, invece, il passaggio è stato più lento e graduale, nonostante i primi esperimenti con Prius hybrid fossero pionieristici per l’epoca.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’auto e l’outlook negato: forse ci stiamo cacciando in un altro guaio

next
Articolo Successivo

Mercato auto, vendite ancora giù a giugno: -24,1% in Europa. In 6 mesi immatricolate 3 milioni di auto in meno

next