Una Tesla Model 3 lanciata a 110 chilometri orari in autostrada centra in pieno un tir che si era ribaltato in mezzo alle corsie. È l‘impressionante incidente immortalato dalle telecamere presenti e avvenuto in Cina: al volante dell’auto elettrica in modalità Autopilot c’era Mr. Huang, che è uscito illeso dallo schianto.

Secondo quanto ha riferito alle autorità intervenute sul posto, a causa lo schianto sembra esser stata una incomprensione tra il cliente e le possibilità del sistema: Autopilot, infatti, non è certamente un aiuto alla guida infallibile (è di livello 2) ma soprattutto non è progettato per evitare impatti autostradali a 110 km/h in modo autonomo contro veicoli fermi. Cosa che invece il proprietario si aspettava…tanto che, stando alle dichiarazioni rilasciate alla testata cinese CNA, si è fidato del sistema e non ha provato a fare nulla per intervenire ed evitare l’impatto con il tir, come si vede dalle immagini.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Norvegia, le immagini impressionanti della frana: le case trascinate nel mare

next
Articolo Successivo

Elefantessa incinta muore dopo aver mangiato un ananas pieno di petardi: ecco come sono andate davvero le cose

next