Con la nuova versione del sistema operativo iOS 14, per ora ancora in versione beta, Apple ha aggiunto tutta una serie di funzioni legate ad un più efficace controllo della privacy. Una di queste notifica all’utente quando un’app legge e copia i dati memorizzati negli appunti. Ebbene, proprio grazie a questa notifica, si è scoperto un comportamento sospetto da parte di TikTok, app che spopola soprattutto tra gli adolescenti. Il social cinese infatti pare proprio che copi in continuazione gli appunti (i dati presenti cioè nella clipboard) degli utenti.

Gli sviluppatori che avevano già installato iOS 14, avviando TikTok hanno dunque assistito a una serie infinita di notifiche che, ogni pochi secondi, li informava dei continui accessi da parte dell’app ai dati memorizzati. Da parte sua TikTok ha già commentando, minimizzando l’accaduto. Secondo l’azienda infatti non ci sarebbe nulla di cui preoccuparsi, perché la procedura sarebbe servita unicamente a dotare l’app di un più efficace filtro anti-spam: viste comunque le continue notifiche da parte di iOS 14 la funzione è stata prontamente rimossa con un aggiornamento.

È ovvio che non possiamo sapere se TikTok sia stato “corretto” solo su iOS 14: su iOS 13 il filtro anti-spam potrebbe infatti essere ancora lì, considerato che la notifica non compare a prescindere. Stesso discorso anche per Android. In ogni caso la pulce nell’orecchio è stata messa. L’azienda inoltre non ha chiarito se i dati degli appunti siano mai stati memorizzati altrove o spostati dai dispositivi degli utenti. Da quando esiste la beta di iOS 14 inoltre diverse altre app piuttosto popolari sono state richiamate per la lettura degli appunti, tra cui Starbucks, Overstock, AccuWeather e diverse app di notizie.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Microsoft distribuisce un tool per recuperare i file cancellati in Windows 10

next